Home Arte “Chapeau Madame!”: i cappelli in mostra a Palazzo Madama.

“Chapeau Madame!”: i cappelli in mostra a Palazzo Madama.

10
SHARE
Chapeau Madame!: i cappelli in mostra a Palazzo Madama.
Chapeau Madame!: i cappelli in mostra a Palazzo Madama.

Da domani, 26 marzo 2014 – nonostante evidenti problemi di comunicazione – inaugura la mostra all’interno del Palazzo Madama di piazza Castello a Torino, che vedrà come protagonisti i cappelli. Ebbene si, proprio i copricapi, considerati carini e frivoli ma solo recentemente rivalutati come vere e proprie creazioni d’arte.

Problemi di comunicazione che hanno già portato molte signore ad andare a Palazzo Madama convinte di poter ammirare questi accessori di fascino già dalla scorsa settimana. Infatti, mentre sul sito ufficiale del museo la data è sempre stata segnalata correttamente – 25 marzo ore 18, inaugurazione e 26 marzo apertura al pubblico – la consueta lettera dell’Abbonamento Musei segnalava l’apertura già la scorsa settimana.

Nonostante questo il successo è garantito.

L’idea, semplice ma accattivante, è già interessante sulla carta, ops sulla testa: il percorso si snoda nella sala dei Tessuti del palazzo, dove è possibile ammirare esempi di copricapi seguendo un arco cronologico di cinquant’anni.

Accessorio indispensabile, nel Novecento, per ogni donna di ogni ceto sociale, questo percorso sottolinea l’importanza della moda nell’arte, nel recupero storico e nella conoscenza culturale.

Chi dice che arte e cultura siano solo quadri e sculture? Un bel cappellino può esserlo. Inoltre la moda ha sempre aiutato gli esperti d’arte nel riconoscimento e anche nelle datazioni di opere su tela.

E se pensiamo che gli accessori siano qualcosa di troppo frivolo è meglio cambiare idea: “negli anni Venti nascono una nuova immagine della donna e l’abito moderno: il cappello segue da vicino il mutamento, con la libertà e la fantasia consentite dalla sua funzione puramente estetica”.Una femminilità nuova, un’emancipazione che passa anche dalla moda.

Correlato:  Lorenzo Lotto

I cappelli provengono dalla collezione del liceo artistico musicale “A. Passoni” di Torino, grazie a donazioni private e presentano la sfumatura dell’eleganza delle signore torinesi, proprio ripercorrendo l’evoluzione modaiola di questo accessorio.

Se il buongiorno si vede dal mattino – e dalle numerose persone che si sono già presentate al Palazzo per vedere la collezione, anche se non ancora iniziata – c’è da sperare che sia un nuovo successo.

Alla faccia di chi pensa che la moda sia solo frivolezza, l’obiettivo finale è quello di creare un nuovo archivio di comunità sulle piattaforme web di Palazzo Madama: “un modo per ritrovare momenti importanti della nostra storia e per condividerli con le nuove generazioni vicine e lontane”. Quando il recupero della cultura e della memoria passa anche dai dettagli, anzi soprattutto dai dettagli.

E i dettagli di moda rappresentano non solo eccellenza creativa – di quel Made in Italy di cui ci si riempie la bocca oggi – ma anche il cambiamento culturale di un secolo veloce e rapido come è stato il Novecento.

Per info: Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica

Piazza Castello – Torino Ingresso: intero € 10, ridotto € 8, gratuito fino ai 18 anni. Visita guidata: € 4

In occasione del nuovo allestimento il museo propone delle visite tematiche secondo il seguente calendario: 30 marzo – 6 aprile – 4 maggio – 1 giugno ore 17 – visite aperte a tutti tel. 011-5211788 dal lunedì alla domenica, ore 9-18

Sabato 12 aprile ore 17 – visita riservata abbonati Musei Torino Piemonte Sabato 10 maggio un workshop creativo per realizzare con le proprie mani un copricapo

Correlato:  Tangerine tango: il colore di quest'estate!

Giulia Copersito

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here