Home Territorio Reale Mutua condivide la sua Storia

Reale Mutua condivide la sua Storia

4
SHARE
Reale Mutua condivide la sua Storia Torino Cortile Palazzo Biandrate
Reale Mutua condivide la sua Storia Torino Cortile Palazzo Biandrate

Domani, sabato 8 Marzo. apre al pubblico il Museo Storico della compagnia assicurativa 100% torinese.  

Noi di Mole24 siamo riusciti a dare una sbirciata in anteprima!

In principio era il fuoco, largamente impiegato nella vita quotidiana e nei mestieri, amato ma temuto, indispensabile seppure pericoloso.

Nel XVIII secolo gli incendi erano frequenti e devastanti. Una sola scintilla e ci si trovava a fare il conto delle vite umane perdute, dei granai, delle abitazioni e delle botteghe andate letteralmente in fumo. Ma una scintilla diversa, quella di una grande idea, ha cambiato la storia di Torino e dell’Italia intera.

Re Carlo Felice, amato ed odiato dal popolo, si fece promotore della prima compagnia assicurativa in forma di mutua contro i danni causati dagli incendi. Era il 31 Dicembre 1828: nel capoluogo sabaudo nasceva la Società Reale Mutua di Assicurazioni.

Reale Mutua condivide la sua Storia Torino
Carlo  Felice

186 anni dopo, in Via Garibaldi 22, è proprio il busto del sovrano sabaudo in compagnia dell’amata moglie Cristina, a dare il benvenuto ai visitatori del Museo Storico Reale Mutua, aperto al pubblico da Sabato 8 Marzo 2014.

Se la Mutua si fonda sulla reciprocità, la condivisione della propria storia è la premessa per il cammino verso il Futuro.

“Noi siamo il risultato delle nostre scelte e della nostra storia” è il motto del Museo, 8 sale per un totale di circa 400 mq in cui si sviluppano 186 anni di vita di impresa, aneddoti e curiosità che si intrecciano con la storia della città e dell’Italia intera.

Il 2007 vide la luce la prima versione di questa realtà espositiva d’avanguardia, all’interno della Sala delle Colonne di Palazzo Biandrate Aldobrandino di San Giorgio, edificio seicentesco già sede storica della compagnia.

Correlato:  Torino, la spiaggia ai Murazzi non si farà nemmeno quest'anno

Rinnovato completamente nel suo allestimento e negli spazi espositivi grazie al sapiente lavoro dello Studio Arch. Gritella & Associati – caro ai torinesi per il restauro della Mole Antonelliana – il Museo apre al pubblico e, soprattutto, alle scuole nella sua nuova veste.

Reale Mutua condivide la sua Storia Torino
Reale Mutua condivide la sua Storia Torino

Investire sulla cultura in un periodo come questo è la prima grande scommessa vinta dalla Reale Mutua che condivide il suo passato in un Museo che, spiega Gritella, “è una via di mezzo tra un museo tradizionale, un museo avveniristico ed un archivio storico, in continua espansione”.

Non solo carte quindi ma oggetti, fotografie e filmati di ieri e di oggi in un museo touch che invita a toccare con mano la storia. Proprio dal tatto infatti, spiega Silvana della Penna curatrice del Museo, ha avuto inizio tutto: il termine polizza deriva dal latino pollex, pollice, la cui impronta è stata a lungo la firma “digitale” per eccellenza.

Dagli atti costitutivi della Società alle ordinanze di Vittorio Emanuele II con firma autografa; dalla sala dedicata agli Assicurati illustri tra cui ricordiamo Sandro Pertini, Gabriele D’Annunzio e Guglielmo Marconi alla ricostruzione fedele di una postazione di lavoro degli anni ’30.

Reale Mutua condivide la sua Storia Torino

Con un linguaggio semplice e diretto e didascalie in italiano ed inglese, il Museo Storico è una realtà che non ti aspetti, capace di far chiarezza sul fumoso mondo delle assicurazioni e al tempo stesso di sorprendere con contenuti multimediali ed interattivi alla portata delle scuole di oggi.

Da veri intenditori inoltre, la sala dedicata alla pubblicità, una raccolta di tutte le campagne della compagnia in una carrellata di storia del marketing che sorprenderà molti.

Correlato:  Le sagre d’agosto in Torino e provincia

Museo d’impresa, unico nel settore assicurativo, prevede l’ingresso gratuito e fa parte del circuito Abbonamento Musei Torino Piemonte.

 

a cura di Irene Perino

 

Orari

Martedì e Giovedì dalle ore 16:00 alle 18:00

Il primo ed il terzo weekend del mese: Sabato dalle 14:30 alle 18:00, Domenica dalle 10:00 alle 18:00.

Aperture su prenotazione dal Lunedì al Giovedì dalle 09:00 alle 13:00

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here