Home Teatro Teatro e solidarietà al Piccolo Regio

Teatro e solidarietà al Piccolo Regio

2
SHARE
Teatro e solidarietà al Piccolo Regio
Teatro e solidarietà al Piccolo Regio

Un pomeriggio, quello di domenica 23 febbraio, durante il quale teatro e solidarietà si sono incontrati al Piccolo Regio di Torino. L’occasione è stata una raccolta fondi a favore di due associazioni di volontariato cittadine, impegnate nell’assistenza e accompagnamento ad anziani soli o in difficoltà: SEA (Servizio Emergenza Anziani), realtà attiva da 28 anni e Orizzonti di Vita, nata cinque anni fa.

Per l’occasione, Antonio Ferrero, dell’associazione culturale Area Teatrale, ha scritto e diretto una commedia dal titolo “Goda di sotto”: uno spaccato di vita della provincia italiana di oggi, che ci dimostra come poter parlare di temi importanti anche senza prendersi troppo sul serio.

Gli abitanti di questo paesino immaginario della Bassa Emiliana (per la maggior parte anziani) si ritrovano al Bar dello Sport, gestito dalla frizzante e attraente Margherita a (s)parlare, come di consueto, di calcio, donne, politica e società, alla presenza di un Sindaco amante delle benne donne, così come degli intrallazzi, e del suo (discutibile) staff. Il tutto sotto lo sguardo attento del giovane sordomuto Carletto.

Quale ambientazione migliore per parlare (anche) di volontariato? Si potrebbe avere qualcosa da obiettare, ma intanto è trascorso un piacevole pomeriggio durante il quale la satira pungente si è messa a servizio di persone che spesso non hanno voce e situazioni al limite del sostenibile.

Sul palco Cristiano Tassinari, Carlotta Bisio, Teresa Caporale, Enrico Repetto, Chiara Francese, Luca Manero, Luca Canale, Roberto Gamboni, Tita Giunta, Teodoro Bungaro, Antonella Calderola, Roberta Dutto, Francesca Ricci, Eleonora Altilla, Riccardo Rizzo e Antonio Ferrero.

Una commedia frizzante che, con molta ironia e qualche doppio senso, fa riflettere sulle realtà che quotidianamente ci circondano.

Quindici euro il costo del biglietto d’ingresso, accompagnato da una busta contenente un bollettino con il quale procedere a un’eventuale offerta a favore delle associazioni in questione.

 

Roberto Mazzone

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here