Home Ambiente Si diffonde l’acqua sfusa a Torino

Si diffonde l’acqua sfusa a Torino

28
SHARE
Si diffonde l’acqua sfusa a Torino Smat
Si diffonde l’acqua sfusa a Torino Smat

Il gruppo SMAT S.p.a. (Società Metropolitana Acque Torino) negli ultimi due anni ha iniziato a installare in tutta la regione Piemonte una serie di punti di raccolta di acqua sfusa, i Punti Acqua SMAT, in un’ottica di risparmio sia a livello economico che ambientale.

Ad oggi in tutto il Piemonte sono attivi 100 punti Acqua SMAT di cui quattro all’ interno della stessa Torino. L’ ultimo ad essere stato installato nella nostra città risale a poche settimane fa, con l’ approdo dell’ acqua sfusa in Piazza Nizza, dentro alla stazione della metropolitana. Ma come funziona questa idea del gruppo SMAT? Quali vantaggi effettivi fornisce ai consumatori?

Vediamo qualche dato e le istruzioni per l’ uso. Il gruppo SMAT produce ogni anno circa 250 milioni di metri cubi d’acqua e li distribuisce al pubblico nella nostra regione.

Si diffonde l’acqua sfusa a Torino Smat A

 

Il 75,2% della produzione idrica di questa innovativa S.p.a. eco-friendly viene estratta da pozzi collegati a falde acquifere della profondità di circa 100 metri, il 16,3% deriva da prelievi fatti in superficie nei fiumi come il Po e il rimanente 8,5% viene prelevato dalle sorgenti di Pian della Mussa e Sangano.

Tutta l’acqua raccolta viene sottoposta ad accurati controlli di qualità e depurazioni con l’appoggio di più di 160 centri di pulizia. Il risultato è la produzione di più di 7.000 litri al secondo, circa il fabbisogno giornaliero di acqua di due milioni di persone. Di tutta questa produzione una parte viene destinata ai Punti Acqua SMAT e con un consumo di circa 4.000 litri al giorno si ottiene un risparmio di 1 milione di bottiglie di plastica in un anno.

L’idea di questi poli di distribuzione dell’acqua sfusa deriva dalla necessità che il gruppo SMAT ha sentito di migliorare la propria produzione in un’ottica di risparmio economico e di sviluppo sostenibile. L’obbiettivo di fondo è quello di diffondere il prodotto acqua risparmiando sulla fase di imbottigliamento e distribuzione.

Si diffonde l’acqua sfusa a Torino Smat

Ognuno dei Punti Acqua SMAT infatti, oltre ad essere ben integrato nell’arredo urbano, fornisce gratuitamente fino a 180 litri l’ora di acqua naturale, mentre quella gasata viene distribuita al costo di 5 centesimi ogni litro e mezzo.

Per poter pagare questo piccolo obolo occorre munirsi di una tessera dal costo di 1 euro, più 4 di cauzione restituiti alla sua riconsegna alla macchina.

Sul sito del gruppo SMAT è presente l’elenco completo dei distributori di acqua sfusa nel Piemonte e le istruzioni dettagliate su come accedere ai distributori. Al momento in Italia possiamo trovare un esempio similare ai Punti Acqua SMAT proposto dalla Cooperativa Consortile Fincircoli di Milano per l’utilizzo della cosiddetta Acqua a chilometro zero. Questi e altri prodotti regionali possono essere la strada giusta da percorrere verso un futuro più sostenibile.

 

Francesca Palumbo

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here