Home Cronaca di Torino La retata di Torino diventa virale su Google Maps

La retata di Torino diventa virale su Google Maps

31
SHARE
La retata di Torino diventa virale su Google Maps
La retata di Torino diventa virale su Google Maps

Trovarsi al posto giusto al momento giusto è un dono. I supereroi ci riescono sempre, nei film accade praticamente a tutti i protagonisti e alcuni calciatori ci hanno costruito delle carriere.

La retata di Torino diventa virale su Google Maps
La retata di Torino diventa virale su Google Maps

Succede però anche a qualcuno di meno famoso di capitare in quel perfetto lasso di spazio-tempo che può cambiarti la vita.

O semplicemente una fotografia. È il caso della Google Car che, durante il suo pellegrinaggio per le strade, vicoli e mulattiere di tutto il mondo, spesso incappa in scene bizzarre, divertenti o terrificanti e, con un clic delle sue numerose fotocamere, le rende immortali.

La retata di Torino diventa virale su Google Maps
La retata di Torino diventa virale su Google Maps

Torino è stata mappata per la prima volta nel 2009 e da allora il servizio di stradario virtuale offerto da Mountain View ha affinato le sue caratteristiche, scovando anfratti a angoli meno noti della nostra città.

Come ad esempio l’incrocio tra via Belfiore e via Morgari, in pieno San Salvario. Ma ai turisti che, cercando l’indirizzo del loro hotel, si imbattessero in quelle precise immagini, non saranno i fregi barocchi, né l’eleganza dei palazzi a colpirli, quanto un’inattesa retata in pieno giorno.

La retata di Torino diventa virale su Google Maps
La retata di Torino diventa virale su Google Maps

L’auto di Google si è infatti imbattuta in un’operazione di Polizia in atto, con tanto di agenti in divisa anti-sommossa e strade limitrofe bloccate. Una scena più adatta ad un film d’azione che alle mappe più famose del mondo, ma comunque un sintomo che a Torino, le sorprese sono dietro l’angolo!

La retata di Torino diventa virale su Google Maps
La retata di Torino diventa virale su Google Maps

Marco Parella

Commenti

Correlato:  Camper sequestrati ai nomadi, presto donati ad Onlus?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here