Home Territorio Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi

Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi

177
SHARE
Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino
Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino

La Palazzina di Stupinigi torna a splendere, diventando una vera e propria residenza museo.

La residenza sabauda era stata riaperta nel 2011, ma solo da questi giorni ha riacquistato il suo status di residenza museale.

A gestire il rinnovo del bene è stata la Fondazione Ordine Mauriziano, creata dopo la chiusura delle strutture ospedaliere.

Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino

Nell’ultimo anno la Palazzina, non ancora all’apice del suo splendore, ha raccolto oltre 50mila visitatori e c’è da scommettere che, con il nuovo assetto, gli ingressi si moltiplicheranno.

La residenza sabauda, circondata da aiuole disegnate dallo stesso architetto Filippo Juvarra, presenta un nuovo percorso di visita, che coinvolge gli appartamenti, le cucine, la celebre Sala del Cervo e l’Appartamento del Levante. I lavori, non ancora conclusi, hanno coinvolto vari enti.

I mobili degli Appartamenti del Re e della Regina sono stati affidati al centro di Restauro della Venaria, sotto l’egida della Compagnia di San Paolo, mentre la Consulta si è occupata della Sala degli Scudieri, della Cappella di Sant’Uberto e soprattutto della già citata Sala del Cervo, che ospita i medaglioni lignei con le genealogie di Casa Savoia e l’originale del cervo in bronzo scolpito per la cupola da Francesco Ladatte nel 1766.

Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino
Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino

La Palazzina di Stupinigi è spettacolare anche all’esterno: sono stati ricreati i colori originali, dall’avorio alle sfumature del verde.

A marzo, inoltre, verrà allestita la prima mostra della nuova era, “I principini ritornano alla Reggia”, una raccolta di ritratti degli eredi Savoia restati a lungo lontani dagli occhi del pubblico.

Per rilanciare alla grande la residenza, però, sarebbe necessaria la collaborazione con altre attrazioni turistiche.

Candidato ideale, la Reggia di Venaria, che come Stupinigi fu progettata da Filippo Juvarra.

Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino
Nuova vita per la Palazzina di Caccia di Stupinigi Torino

Una fusione in toto non sembra possibile, in quanto la Venaria è un bene dello Stato, mentre Stupinigi è proprietà della Fondazione Ordine Mauriziano.

A giugno, però, la gestione della Fondazione scadrà, e il Consorzio della Venaria è pronto a chiedere di potersi occupare anche dell’altra residenza juvarriana.

Si tratterebbe di un matrimonio di sicuro successo, competitivo a livello turistico e corredato da molte iniziative, come il progetto di organizzare visite alle due residenze collegate con sentieri per le bici.

 

Giulia Ongaro

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here