Home Cronaca di Torino Il tempo di una Torino che fu vive ancora nel 2014 –...

Il tempo di una Torino che fu vive ancora nel 2014 – reportage fotografico

SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

“È tardi! È tardi!” ripeteva il Bianconiglio guardando il suo enorme orologio da tasca e scappando da una confusa Alice nel paese delle meraviglie.

Una scena che ci instrada già da piccoli verso la cultura del “chi ha tempo, non perda tempo”, del “tempus fugit” e del “carpe diem”.

La modernità ha poi fagocitato il tempo, riducendolo, almeno per la stragrande maggioranza degli indaffarati torinesi, in un fastidioso ostacolo tra un impegno e l’altro, fatto di fretta, ingorghi e nervosismo.

Nell’arco delle 24 ore (sì, comprese le ore in cui si dorme), la media in cui una persona guarda il telefonino è di una volta ogni sei minuti e dovunque, sul display, al polso, nel cruscotto della macchina, ogni oggetto che ci circonda sembra creato per ricordarci, come un Bianconiglio 2.0, che “è tardi! è tardi!”.

Ma cosa succederebbe se, come in uno di quei catastrofistici colossal americani, le apparecchiature elettroniche si fermassero e, nello stesso modo in cui vivevano i nostri trisnonni, ci si affidasse per appuntamenti e rendez-vous ai soli orologi pubblici, quelli che si trovano ancora agli angoli per le strade?

Certo, oggigiorno nessuno alza più lo sguardo agli incroci o davanti ad un campanile per controllare che ora è. Però sarebbe un buon esercizio storico-culturale provarci e proprio questo è ciò che abbiamo tentato.

Correlato:  Rewind Torino, quando la passione per Vasco diventa tributo

Una passeggiata nel centro della nostra elegante città, alla ricerca degli ultimi testimoni di un’epoca che fu, quando la fretta era cattiva consiliera e la flemma una virtù.

Ne è venuto fuori un reportage intenso.



Commenti

SHARE