Home Cronaca di Torino Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014

Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014

3
SHARE
Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014
Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014

Che Torino fosse una città legata al mondo della cultura e dell’editoria era già stato dimostrato con i successi registrati dall’annuale Fiera del Libro, ma quest’anno il riconoscimento viene dall’estero.

Alla chiusura dell’edizione 2013 tenutasi a Bangkok, Torino è stata scelta come il prossimo ospite di due importanti congressi mondiali legati al mondo dell’editoria e dell’informazione, il World Newspaper Congress e il World Editor Forum, che si terranno dal 9 al 11 giugno prossimi.

Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014
Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014

Tra gli ospiti del forum, insieme agli esponenti internazionali dell’informazione, il presidente di Fiat John Elkann, il presidente del gruppo L’Espresso Carlo De Benedetti, Pietro Scott Jovane e Mario Calabresi, rispettivamente CEO di Rcs e direttore de La Stampa, due dei partner dell’evento.

Ma come si è arrivati alla scelta del capoluogo piemontese? Secondo Vincent Peyrègne, CEO della World Association of Newspapers and News Publishers (WAN-IFRA), organizzatrice dell’evento, Torino è il luogo che incarna al meglio il tema di quest’anno, New Voices, New Reality, New Energy.

La scelta, infatti, è stata determinata dal clima di cambiamento che la città sta vivendo negli ultimi anni, alla ricerca forzata di una nuova identità, un po’ come sta succedendo nel mondo dell’editoria.

Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014
Torino, città-simbolo dell’editoria nel 2014

La vicenda di Torino, passata da essere uno dei principali poli industriali d’Italia a dover, a causa della crisi del settore automobilistico, rinnovare la sua immagine valorizzando le sue ricchezze artistiche e culturali diventa simbolo della necessità di innovazione del settore dell’editoria e del giornalismo, schiacciato in questi ultimi anni dal boom di internet.

L’evento è una conferma del fascino che la città esercita a livello internazionale e crea una nuova occasione per raccontare la sua nuova identità al resto del mondo.

Erika Guerra

                                           

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here