Home Cronaca di Torino Piazza Statuto, l’incubo dei ciclisti

Piazza Statuto, l’incubo dei ciclisti

66
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Da quando è stata inaugurata, a metà settembre, la nuova pista ciclabile che collega via Garibaldi a corso Francia ha subito suscitato polemica.
Innanzitutto perchè è stata realizzata in poche ore, senza preavviso né per i cittadini, né per gli stessi addetti del Comune che, infatti, avevano dovuto attendere pazientemente che arrivassero tutti i proprietari delle auto regolarmente parcheggiate lungo il nuovo tracciato.
La critica più immediata e reiterata riguarda però le modalità con cui è stata progettata: una semplice linea gialla in mezzo alla strada che taglia uno degli incroci più congestionati di tutta Torino, piazza Statuto. Le auto devono infatti frenare all’improvviso per non investire i ciclisti e gli amanti delle due ruote devono fare la gimkana tra le auto ferme allo stop. In ultimo, il pavè sconnesso e scivoloso di quel tratto di strada non è proprio il fondo ideale per le biciclette.

pista-ciclabile-fantasma

Da allora, purtroppo, gli incidenti si sono ripetuti con una regolarità impressionante, 8 solo nel mese di dicembre e c’è ancora chi, per colpa di quella pista ciclabile, è ancora sospesa tra la vita e la morte. È il caso dell’avvocatessa che pochi giorni prima di Natale cadde in piazza Statuto, forse urtata da un furgone, forse tradita dalla strada piena di buche. La donna è ancora ricoverata dopo aver battuto la testa sul lastricato, ma gli amici ed i vigili urbani cercano ancora qualcuno che possa testimoniare sull’effettiva dinamica dell’incidente.

Correlato:  Da Torino a Venezia, sulle ali del VenTo

biciincidentistradali

Dal Comune, intanto, subissati di richieste di interventi da parte dei cittadini e delle associazioni di cicloamatori rispondono che le modifiche verranno eseguite “nel giro di qualche giorno”.
“Ringrazio le segnalazioni, ma stiamo già lavorando per migliorare la sicurezza di piazza Statuto” ha affermato Claudio Lubatti, assessore alla Viabilità. Ma i ciclisti ben si ricordano le promesse dell’amministrazione comunale riguardanti i lavori da completare “entro fine dell’anno”: nuova segnaletica, installazione delle protezioni laterali lungo la pista, chisura delle fessure tra le lose della piazza per evitare che vi si incastrino le ruote.

pza Statuto

Ad oggi l’unica miglioria visibile è un nuovo stop per far rallentare gli automobilisti, ma Lubatti assicura che “dopo le feste saranno posizionati i cordoli ai lati del percorso”. Tutto vero, ma gli incaricati dicono di essere ancora in attesa dei pezzi terminali mancanti.
E intanto per chi si avventura tra le auto di piazza Statuto il modo più sicuro rimane quello di passare sotto i portici. Oppure farsi il segno della croce.

Marco Parella



Commenti

SHARE