Home Spor-to Cricket Mundial, la nuova frontiera dello sport e dell’immigrazione a Torino

Cricket Mundial, la nuova frontiera dello sport e dell’immigrazione a Torino

3
SHARE
ricket Mundial, la nuova frontiera dello sport e dell'immigrazione a Torino
ricket Mundial, la nuova frontiera dello sport e dell'immigrazione a Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Domenica 6 luglio 2008 la nazionale della Costa d’Avorio alzava la Coppa del Mondo al termine di una partita incredibile, decisa soltanto di calci di rigore, contro una Romania mai doma. Non è fantacalcio, è accaduto davvero: è stato l’atto conclusivo del primo Campionato Mondiale per comunità immigrate organizzato a Torino da Balon Mundial, un progetto di integrazione ed inclusione sociale attraverso lo sport, originariamente nato in ambito circoscrizionale. Dal 2012, a fronte di un grande successo in termini sportivi e di pubblico, Balon Mundial è diventata ufficialmente una ONLUS, la prima a carattere sportivo fondata in Piemonte che opera per la promozione delle persone e delle identità culturali, utilizzando l’attività sportiva come strumento di aggregazione e partecipazione, oltre che come possibilità di formazione e inserimento lavorativo.

Schermata 12-2456650 alle 10.08.29

Da quel giorno di trionfale di 5 anni fa di strada ne è stata fatta parecchia: le due edizioni successive sono state vinte dal Perù mentre l’edizione 2012 se l’è aggiudicata il Senegal, sempre ai rigori, contro la Nigeria. Quest’estate ha trionfato la squadra denominata Survivor, composta da rifugiati africani in fuga da guerre, povertà e dittature, ottenendo una vittoria da outsider, superando avversari molto accreditati: il Brasile, la Nigeria, il Perù ed il Ghana in finale, piegato ancora una volta ai calci di rigore per 4-3. Un’edizione, quella del 2013, che presentava ai nastri di partenza ben 36 compagini maschili e 10 femminili per un totale di circa 1200 atleti.

Correlato:  Stavolta Verona è fatale: Toro ko col Chievo

Schermata 12-2456650 alle 10.11.22

L’attività di Balon Mundial è in continua espansione: lo scorso maggio ha preso il via il nuovo progetto denominato “Cricket Mundial”, con lo scopo di coinvolgere nazioni quali India, Bangladesh, Pakistan e Afghanistan in cui il cricket è sport nazionale. Inutile sottolineare come anche in questo caso il successo dell’iniziativa sia andato ben oltre le più rosee previsioni: l’11 maggio scorso, al Parco Dora, si sono sfidate 10 squadre, con più di 150 atleti a darsi battaglia con onestà e rispetto dell’avversario, principi cardine di uno sport davvero spettacolare e molto “british” nella sua essenza. Per il 2014 si prevede un maggior coinvolgimento sia a livello sportivo sia a livello di pubblico: si tenterà inoltre di dare vita ad una competizione con squadre femminili e di coinvolgere alcune scuole secondarie di primo e secondo grado, organizzando un ciclo di lezioni in italiano e in inglese. Tutte le informazioni si possono trovare sul sito www.balonmundial.it e sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/asdbalonmundialonlus.

Edoardo Ghiglieno

                                           



Commenti

SHARE