Home Arte World Master Games 2013, le foto più belle in piazza Carignano

World Master Games 2013, le foto più belle in piazza Carignano

12
SHARE
World Master Games 2013, le foto più belle in piazza Carignano
World Master Games 2013, le foto più belle in piazza Carignano
Tempo di lettura: 1 minuto

E’ stato l’evento più significativo dell’estate torinese. E forse dell’anno. E’ stato un momento utile per tornare alle atmosfere magiche delle Olimpiadi.

Parliamo dei World Master Games le Olimpiadi Over 30, svoltisi lo scorso agosto. E che in questi giorni, e fino al 6 gennaio prossimo, saranno in mostra in piazza Carignano. Si tratta di un’esposizione fotografica, che metterà a disposizione di tutti gli scatti più belli della manifestazione.

40 fotogafie, esposte in formato magnum (125 x85), delle quali 30 dedicate a ogni singolo sport. Le restanti sono legate alle cerimonie, di apertura e chiusura.

Attraverso le immagini, quindi, sarà possibile rivivere i momenti più salienti della manifestazione, gli sforzi, la fatica, il sudore ma anche i sorrisi delle delegazioni che hanno invaso pacificamente Torino.

Le firme sono di rilievo: Massimo Pinca, Renzo Bussio, Damiano Benedetto, Fulvio De Asmundis, Andrea Provenzano dalla redazione di Sport2.0; lo Studio Bonaga di Torino, Claudio Mangiantini fotografo dell’Ufficio Stampa della Città di Torino, Davide Cestari e Ezio Romano.

WMG_Logo alta def

D’altronde l’evento fu di portata notevole, come confermano i numeri: 20 mila atleti, provenienti da 107 paesi, aiutati da 1000 volontari impegnati in 65 impianti sportivi e in 13 comuni, che hanno ospitato le gare di 165 specialità diverse.

La mostra, spiegano gli organizzatori, è proprio dedicata a loro: “Atleti, volontari e semplici spettatori che hanno vissuto o rivissuto le stesse emozioni del 2006 quando a Torino si celebrarono le XX Olimpiadi Invernali, ma anche a chi in quei giorni non era in città”.

Correlato:  Semplicemente GAM: i quattro nuovi percorsi tematici.

La mostra è gratuita e non ha orari di apertura.

Andrea Besenzoni

                                           



Commenti

SHARE