Home Arte Un biglietto per l’arte: al Borgo Medievale la storia dei musei Civici...

Un biglietto per l’arte: al Borgo Medievale la storia dei musei Civici di Torino

6
SHARE
Un biglietto per l'arte: al Borgo Medievale in mostra gli inviti dei musei
Un biglietto per l'arte: al Borgo Medievale in mostra gli inviti dei musei

I Musei Civici di Torino hanno una storia che va molto più indietro delle istituzioni attuali: prima che esistessero la gamma e il museo civico di arte antica, a Palazzo Madama, il Comune di Torino aveva già raccolto gran parte delle sue opere d’arte.

Inizialmente, tutte queste opere furono raccolte presso la stessa sede, istituita nel 1865. Già nel 1895, l’arte moderna venne separata, ma è solo dopo la Seconda Guerra Mondiale che fu costruito e allestito il palazzo che ora ospita la galleria di arte moderna.

Quasi 150 anni di storia, quindi, che i Musei Civici di Torino hanno vissuto facendo sfoggio di se’ anche a livello internazionale.

Anni che, fino al 2 marzo, sono raccontati in una curiosa mostra al Borgo Medievale di Torino. A essere esposti non sono quadri e statue, bensì i cartoncini di invito, i cataloghi e i manifesti delle oltre 350 mostre organizzate dal 1930 ad oggi.

Un biglietto per l'arte: al Borgo Medievale in mostra gli inviti dei musei

 

Molti di questi cartoncini sono legati a una sola persona, Vittorio Viale, curatore dei musei dal 1930 al 1965. Fu lui a portare a Torino autori allora contemporanei, ma che sarebbero diventati pezzi da novanta nei libri di storia dell’arte: Francis Bacon nel 1962, Graham Sutherland tre anni dopo, Lucio Fontana nel 1971, Der Blaue Reiter nel 1973.

E così, Torino divenne un punto di riferimento per l’arte, tanto da far arrivare da oltreoceano anche un personaggio influente come Peggy Guggenheim. La mostra, gratuita, parte da un cartoncino d’invito sobrio ed elegante, quello per una mostra sul Barocco organizzata a Palazzo Madama nei primi anni Trenta.

Tra i contributi più interessanti, ci sono anche i video forniti dall’Istituto Luce, con le immagini di alcune inaugurazioni che coinvolsero, tra gli altri, Umberto di Savoia, Renato Guttuso e Le Corbusier.

Un biglietto per l'arte: al Borgo Medievale in mostra gli inviti dei musei

 

A corredo, anche le fotografie dell’Archivio dei Musei Civici, ulteriore testimonianza di un passato di grande successo che sta cambiando.

Le ultime mostre, infatti, non hanno più il loro cartoncino di invito: l’austerity e l’ecologia hanno fatto preferire l’asettico invito via mail, del quale, però, tra cento anni non  resterà nulla.

Giulia Ongaro

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino                    download

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here