Home Teatro Oldboy secondo Spike Lee

Oldboy secondo Spike Lee

22
SHARE

Joe Doucett è un uomo dal destino segnato. Lo capisce lo spettatore già dai primi minuti della pellicola. Ma lui non lo sa. Questa è la principale chiave di lettura di Oldboy, il nuovo film di Spike Lee, remake dell’omonimo lungometraggio firmato da Park Chan-Wook nel 2004.

Joe Doucett è il classico stronzo, marito infedele, che non riesce ad essere un buon padre per la figlia Mia. Una sera, in preda alla disperazione, vaga per la città, e il mattino dopo si ritrova improvvisamente prigioniero in una stanza d’albergo, senza saperne il motivo. Come se non bastasse, viene a conoscenza, attraverso un televisore, che la moglie è stata violentata e uccisa, e lui è ritenuto responsabile di questo orrendo crimine. Da questo momento, il suo unico scopo nella vita sarà la vendetta. Passano vent’anni e un giorno Joe viene inspiegabilmente liberato dalla sua “prigione”. Il suo aguzzino, Lo Straniero,  lo sfida a scoprire la sua identità e il perché gli abbia fatto patire tutto questo; ma ciò che si rivela importante non è sapere perché Joe sia stato imprigionato, bensì il motivo per cui è stato liberato. E questo si capirà solo nel drammatico confronto finale tra i due antagonisti, dopo una serie di “ribaltamenti” costruiti con maestria dallo sceneggiatore Mark Protosevich.

882945_10152049466559594_1619364530_o

Josh Brolin incarna con vibrante intensità la parabola discendente di un uomo distrutto in partenza, che però, attraverso la vendetta, cerca di “risalire la china”. Nella pellicola compare anche Samuel L. Jackson nella indiscussa, superba interpretazione del carceriere materiale di Joe Doucett, al soldo dello Straniero.

Uno dei thriller più crudi ai quali si possa assistere, ma con una sceneggiatura davvero ben scritta (e pensare che sarebbe utile rivederlo in italiano, poiché l’anteprima si è svolta in lingua originale coi sottotitoli, n.d.r.). Consigliato agli stomaci forti, contiene molte scene violente. Da oggi nei cinema.

Roberto Mazzone

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino                    download

Commenti

SHARE
Previous articleStereotipi all’italiana. E la Fiat conquista l’America – video
Next articleGli scrittori di Torino, la trasformano in città di parole.
Laureato in Scienze della comunicazione con un Master in Informazione, New Media e comunicazione plurimediale, conseguito nel 2012. Giornalista pubblicista, grande appassionato di teatro, inizia a frequentarlo come spettatore, e dal 2003 in qualità di operatore dell’informazione e critico teatrale, collaborando con numerose testate e webzine di settore, specializzandosi soprattutto nel teatro musicale. Giornalista pubblicista, è inoltre membro dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro e fa parte della giuria di PrIMO, il Premio italiano per il musical originale, ideato da Franco Travaglio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here