Home Cronaca di Torino Consumi a Torino: qualcosa si muove

Consumi a Torino: qualcosa si muove

3
SHARE
Consumi a Torino: qualcosa si muove
Consumi a Torino: qualcosa si muove

Un lieve calo rispetto a ottobre, una piccola crescita rispetto allo scorso anno.

Questo è quanto in sintesi esprime l’indice complessivo dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), rilevato dal Servizio Statistica del Comune di Torino.

I dati: l’indice è pari al 106,4 (Base Anno 2010=100) con una variazione del -0,1% rispetto al mese precedente e con una variazione del +0,6% (tasso tendenziale) rispetto al mese di Novembre 2012.

Invariato l’indice specifico dei prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza su base mensile, crescita dello 0,9% sull’anno precedente.

I prezzi dei prodotti a media frequenza d’acquisto segnalano una variazione mensile del -0,3% e una variazione tendenziale del +0,6%. I prezzi dei prodotti a bassa frequenza di acquisto rilevano una variazione del +0,1% sia su ottobre 2013 che sull’anno precedente.

Consumi a Torino: qualcosa si muove

Fra i prodotti in crescita: la frutta (+3,3%), i vegetali (+0,7%), ai pesci e prodotti ittici (+0,5%), alle carni (+0,2%), al latte, formaggi e uova (+0,2%) ed alle acque minerali, bevande analcoliche, succhi di frutta e verdura (+0,1%).

In diminuzione troviamo le classi relative al caffè, tè e cacao (-1,1%), allo zucchero, confetture, miele, cioccolato e dolciumi (-0,2%), al pane e cereali (-0,1%), agli oli e grassi (-0,1%) ed agli altri prodotti alimentari (-0,1%). Bevande alcoliche e tabacchi (+0,3%): Le variazioni riscontrate nelle classi relative agli alcolici (+1,3%), ai vini (+0,5%) ed alle birre (+0,5%) hanno mantenuto il segno positivo della divisione di prodotto.

Sempre stabili i beni non di prima necessità (abbigliamento, scarpe, per esempio) le cui variazioni sono nell’ordine di qualche decimale. E anche abitazione, acqua, energia elettrica, gas e altri combustibili, mobili, articoli e servizi per la casa, con crescita di articoli tessili per la casa (+0,9%), ii mobili e arredi (+0,7%). Stabili anche le spese per servizi sanitari e spese per la salute, con lieve calo di consumo di prodotti farmaceutici (-0,4%).

Fra i dati negativi spicca la spesa per viaggi aerei (-9,7%), trasporto marittimo e per vie d’acqua interne (-5,4%) e carburanti e lubrificanti per mezzi di trasporto privati (-1,6%).

Aumenta invece il trasporto passeggeri su rotaia (+2,3%).

Calano anche, in ordine sparso, acquisti di giornali e periodici (-1,3%), giochi, giocattoli e hobby (-1,1%), apparecchi per il trattamento dell’informazione (-0,6%), mentre crescono le classi relative ai supporti di registrazione (+8,2%), agli articoli per giardinaggio, piante e fiori (+1,7%), agli animali domestici e relativi prodotti (+0,9%), ai servizi veterinari e altri servizi per animali domestici (+0,7%), agli articoli di cartoleria e materiale da disegno (+0,3%), alla riparazione di apparecchi audiovisivi, fotografici e informatici (+0,1%), ai beni durevoli per ricreazione all’aperto (+0,1%) ed ai libri (+0,1%).

I dati relativi all’anticipazione del mese in corso si possono consultare sul sito: http:/www.comune.torino.it/statistica/

A. Besenzoni

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here