Home Spor-to Ad Maiora Cus Torino, la terza vittoria!

Ad Maiora Cus Torino, la terza vittoria!

1
SHARE
Ad Maiora Cus Torino, la terza vittoria!
Ad Maiora Cus Torino, la terza vittoria!

Non si ferma più il CUS Ad Maiora Rugby 1951 (per chi non lo avesse capito il nuovo nome del Cus). Terzo successo consecutivo (quarto stagionale, considerando quello al’esordio sul Benevento) ai danni dei Rangers Vicenza, che pagano l’assenza per infortunio del loro ispiratore e calciatore sudafricano Jannie Strumpher. Altro lato positivo è il fatto che la porta torinese resta inviolata, per un finale di 9-0: è la prima volta che accade in due anni di serie A.

La cronaca. Nel primo tempo partono meglio i Rangers, che costringono i biancoblù sui loro 22 metri. I padroni di casa mettono la testa fuori al 7′ con una percussione di Ursache. Prosegue l’azione Merlino, ma viene fermato. Al 10′ i vicentini rimettono da touche e spingono con la maul, ma una volta superata la linea di meta non riescono a schiacciare. Al 14′ arriva il cartellino giallo a Malvagna e i biancorossi vanno in touche. Capitan Merlino è un guerriero e “ruba” l’ovale, allontanando la minaccia. L’inferiorità numerica potrebbe sbilanciare la sfida e invece i locali tengono bene e anzi riescono ad avanzare il loro baricentro. Thomsen al 23′ ha un piazzato a sua disposizione da grande distanza e lo fallisce. Al 33′ non riesce nuovamente a inquadrare i pali su punizione, imitato da Filippo Tonello allo scadere del primo tempo.

Rugby - Cus Torino, partita generosa, ma non sufficiente

Nella ripresa esce fuori la solita freschezza atletica dei cussini, che spingono, mentre i veneti puntano sulla forza e continuano a far falli. Thomsen colpisce il palo basso dalla piazzola al 5′ e due minuti dopo, confermando l’adagio latino secondo cui “repetita iuvant”, va finalmente a segno (3-0). L’apertura sudafricana ha scaldato il piede e al 13′, su ennesima infrazione dei rivali, non perdona (6-0). Al 16′ si gioca una touche, la palla esce dalla maul e Thomsen serve “Betto” Lo Greco, che viene stoppato con le cattive. Tocca ancora al numero 10 cussino arrotondare il punteggio (9-0). Il Vicenza rimane in 14 al 19′ per l’ammonizione di Doglioli e la squadra di Sue prova a chiudere la partita. Costringe i Rangers al fallo al 21′ e quasi da metà campo Thomsen sbaglia il piazzato. Al 25′ De Toni cerca di accorciare quantomeno le distanze, ma non trova i pali su punizione. Tre minuti dopo Ursache guadagna metri e serve Monfrino, che viene sospinto fuori. Corre il 33′, quando Thomsen imbecca Bestetti, che con un calcio potente spedisce in touche. Questa volta, però i cussini non riescono a “rubare” e i vicentini liberano. L’invidiabile condizione fisica dei biancoblù li porta a rischiare poco in tutta la seconda frazione. Solo nel finale gli ospiti vanno alla disperata ricerca della meta, che potrebbe riaprire tutto e al 39′ è provvidenziale Thomsen, che conquista palla e ribalta il fronte d’attacco con un calcio dei suoi. Finisce così e capitan Merlino e compagni festeggiano una prestazione autoritaria, che rafforza il terzo posto e il morale.

Chiusura con uno speciale “terzo tempo”, che ha visto svolgersi un’asta benefica, che assegna le quattro maglie autografate dalla Nazionale azzurra. Il ricavato dell’asta è andato all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.

A cura di Andrea Besenzoni (fonte cronaca: Ad Maiora Cus Torino)

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino                    download

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here