Home Enogastronomia La dolcezza, oltre Cioccolatò

La dolcezza, oltre Cioccolatò

10
SHARE
La dolcezza, oltre Cioccolatò
La dolcezza, oltre Cioccolatò

Non possiamo star lontani dal cioccolato questa settimana. Per cui nelle mie scoperte delle pasticcerie ai margini, ma non per questo meno valide, vi voglio raccontare di due prelibatezze ai confini opposti della città.

Il mio FuoriCioccolatò è un’idea per accendere i riflettori anche sui più piccoli produttori: la prima pasticceria è Menichelli in Corso Unione Sovietica 254. Non vi scoraggiate, perché non si vede: dovete entrare nel giardino condominiale, scendere i gradini con un’insegna anonima di bar pasticceria e solo allora l’avete trovata. Enzo e Rosy quest’anno festeggiano i loro primi 18 anni di attività.

Sorridenti, giovani pieni di energia con semplicità e passione sfornano ogni giorno una pasticceria secca degna dei migliori intenditori. Pare che se Rosy non fermasse il marito, Enzo potrebbe sfornare piccole paste secche senza limiti: è un appassionato e gli vengono bene. Piccole, piccollisime frolle a forma di cesto con “ripieni” diversi e prelibati.

Ai fichi e alle noci, al cioccolato, al pistacchio, alla marmellata di more, all’arancia candita e cacao e poi c’è quello all’amarena che è un’esperienza matuttina da provare, accopagnandola al caffè o all’orzo buonissimo (difficile trovare un buon caffè all’orzo nei bar).  Su prenotazione preparano anche salatini leggeri e gustosi, pasta fresca, panettoni. Per quest’anno stanno sfornando il panettone agli agrumi, il bucellato siciliano (pasta frolla con ogni ben di dio) e la bisciola (panettone con frutta secca e fichi) della Valtellina: da nord a sud accontentano tutti i torinesi. Se poi andate in orari più tranquilli troverete sempre Rosy intenta a donare una noce agli scoiattoli dei giardini di Corso Unione, anche loro hanno scelto la dolcezza.

Attraversiamo la città e andiamo in via Coppino 115 non distante da corso Grosseto. Un’altra coppia, un’altra storia d’amore lunga come la sua pasticceria, Qui troviamo Alessia e Marco (il pasticcere) con i loro 27 anni di attività, e 25 anni di matrimonio, che non sono ancora stufi di regalare dolci al loro quartiere.

foto 2

Marco è proprio un maestro della panna, che cucina fresca, con cui adorna torte di tutte le dimensioni. Le torte di frutta fresca sono una delle specialità, con la torta Langarola che non manca mai ed è il suo cavallo di battaglia. Alessia dietro il bancone è maestra di dolcezza, delicatezza e sorrisi (non a caso Marco l’ha sposata). Il cioccolato di ottima qualità non manca mai, come le paste, fresche e secche.

Due storie d’amore, due coppie giovani, una passione che non finisce e che resiste a tutte le intemperie. Mi hanno colpito la vicinanza di età e di qualità. Chissà se Enzo e Marco non abbiano studiato insieme. Andate a trovarli, non ve ne pentirete.

Valeria Saracco.

 

Mi trovi anche su http://duecuorieunaforchetta.com

 

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino                    download

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here