Home Urbanistica Un nuovo centro congressi da 5.000 posti per rendere Torino l’ombelico del...

Un nuovo centro congressi da 5.000 posti per rendere Torino l’ombelico del mondo

14
SHARE

In vista degli eventi di portata mondiale previsti per l’anno 2014, a Torino nasce il progetto di un nuovo centro congressi con ben 5.000 posti di capienza.
Negli ultimi anni la città di Torino ha visto un notevole incremento di presenze legate al cosiddetto “turismo congressuale”, che comprende quella categoria di visitatori che si recano in città per presenziare a convegni e congressi, utilizzando le strutture ricettive per periodi di tempo limitati all’evento cui sono invitati e con la necessità di avere spazi adeguatamente capienti per potersi riunire.

westinghouse

Proprio per dare una risposta a questo segmento di domanda, la città di Torino ha deciso di allestire un nuovo e moderno centro congressi nei pressi del Politecnico nella ex sede della Westinghouse. La delibera per il progetto è stata presentata dall’Assessore Stefano Lo Russo ed è stata approvata dal Consiglio Comunale nel corso degli ultimi mesi. L’aspetto più intrigante dell’iniziativa sta nella volontà di istituire un progetto tutto nuovo partendo dalle idee di giovani architetti torinesi, allo scopo di migliorare la ricettività della città.

Lo stesso Sindaco Piero Fassino ha dichiarato che la richiesta è partita principalmente dagli operatori turistici del settore (Ascom, Confesercenti, Associazione degli Albergatori e Camera di Commercio), ottenendo una buona risposta dal settore pubblico, che già in data 18 novembre, tramite Consiglio Comunale, hanno predisposto le linee guida per il bando di assegnazione per il diritto di superficie e per le successive convenzioni con il Comune stesso.
Una volta superata questa fase preliminare l’aggiudicatario del diritto di allocazione potrà indire un concorso pubblico di progettazione che lasci spazio il più possibile ai giovani architetti di cui sopra e alle loro idee, pur mantenendo le linee guida base del progetto: costruzione di una sala riunioni con capienza massima di 5.000 posti e allestimento dello spazio circostante (circa 40.000 mq) con strutture correlate e complementari al mondo dei convegni o comunque di interesse generale legato alla cultura (es. residenze universitarie). Le aree verdi pre-esistenti e le strutture di pubblica utilità della zona inoltre, verranno incrementate e supportate dal nuovo progetto.

Engineers on construction site with plan

 In vista dunque di tutti quegli eventi “mega” del business tourism che Torino si prepara ad ospitare, (come il Congresso Mondiale degli Editori o quello della Camera di Commercio), possiamo vedere la città in procinto di creare qualcosa di nuovo e di moderno, segnale di una certa volontà di investire nei giovani e in strutture che destino l’attenzione del mondo intero.

Francesca Palumbo

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino                    download

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here