Home Cronaca di Torino La molestia è un reato. Denuncialo.

La molestia è un reato. Denuncialo.

15
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

La molestia non è solo un gesto vigliacco, è un reato.
Sembra un’ovvietà, ma troppe volte si dimentica che la violenza sulle donne non è solo quella dei partner violenti. È anche quella di chi manca di rispetto alle donne per la strada, sui mezzi pubblici, sul luogo di lavoro.
È per questo che la Polizia Municipale ha lanciato, insieme a Gtt, una campagna per combattere le molestie sui mezzi pubblici e in altri luoghi della città.

scan 1

Le donne che hanno preso un autobus giovedì scorso hanno incontrato certamente le vigilesse della città, impegnate a distribuire un opuscolo dedicato proprio a questa lotta. All’interno, storie di passeggere in cui molte altre ragazze e signore si ritroveranno: chi è stata guardata con insistenza e seguita, chi, addirittura, si è sentita toccare all’interno di un autobus affollato. E magari non ha fatto denuncia, credendo di non essere ascoltata dalle autorità. Invece, i maniaci possono, e devono, essere denunciati. Chiamando lo 011.4606060 si entra in contatto con il centro di Pronto Intervento, che provvederà subito ad aiutare le vittme di una molestia.

em_bus_012

Le segnalazioni meno urgenti, invece, vanno rivolte allo 011.4426495, oppure raccontate via mail all’indirizzo contactcenterpm@comune.torino.it. Anche gli uomini sono invitati a dare il loro contributo nella battaglia contro questi gesti viscidi. Chi assiste a un palpeggiamento o a un’altra molestia asfondo sessuale può, anzi deve, comunicarlo alla Polizia Municiaple usando i canali disponibli. Ora i numeri del Centro Pronto Intervento sono un po’ ovunque in città: si leggono sui finestrini di tutti i mezzi Gtt, e decorano anche i cestini di gran parte delle biciclette del sistema ToBike. L’iiziativa fa parte di “365 giorni NO alla violenza sulle donne”, campagna contro gli abusi promossa da Palazzo Civico e che si rivolge anche e soprattutto agli uomini e alle amministrazioni di tutta la penisola. Lo scopo è sensibilizzare l’opinione pubblica e diffondere una cultura della persona e del rispetto che renda impensabili gesti di violenza fisica e psicologica verso le donne.

Correlato:  Facciamoci un’idea in vista delle Elezioni: serata-confronto a Nichelino

Giulia Ongaro

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino                    download



Commenti

SHARE