Home Cronaca di Torino Slow Italy stila i dieci motivi per visitare Torino

Slow Italy stila i dieci motivi per visitare Torino

9
SHARE
I dieci motivi che inorgogliscono Torino
I dieci motivi che inorgogliscono Torino

“Turin is the only true Royal City”. Basterebbe questo motivo, al primo posto nella lista, per eleggere Slow Italy a sito dell’anno.

Slow Italy, il sito edito dall’idea di tale Catherine, che si definisce nelle pagine del sito belga di nascita, italiana e francese di cultura e innamorata della nostra nazione, è diventato un vero e proprio punto di riferimento di chi voglia conoscere dall’estero la nostra nazione, magari andando oltre gli stereotipi dell‘Italia, solare, dove si mangia bene pizza, spaghetti e Mozzarella e dove si comprano gran bei vestiti.

Chiaro che, grazie anche e soprattutto ai social networks, il successo è esplosivo.

Slow Italy stila i dieci motivi per visitare Torino
Slow Italy stila i dieci motivi per visitare Torino

 

L’ultima uscita che ai torinesi è piaciuta non poco è questo decalogo di buoni motivi per visitare Torino.

“Dieci motivi per cui vedere Torino dovrebbe essere nella lista delle tue cose da fare”, per tradurla semplice, è il titolo del pezzo, che parte dall’assunto secondo cui, stranamente, la nostra città non è nei radar turistici. E a leggerli, questi dieci motivi, c’è da gonfiare il petto.

A parte, si diceva, il primo, che sicuramente dalle parti di Belgio, Gran Bretagna, Spagna, insomma dovunque ci sia una Casata Reale non deve essere passato inosservato.

Torino è l’unica città reale italiana. Punto. Secondo: i caffè torinesi e, conseguentemente, terzo: la nostra cioccolata.

Al quarto posto si ricorda come Torino sia la vera capitale e luogo di nascita dell’aperitivo e al quinto come sotto la Mole si gusti il cibo come in pochi altri luoghi d’Italia.

Slow Italy stila i dieci motivi per visitare Torino
Slow Italy stila i dieci motivi per visitare Torino

Non basta?

Davvero vogliamo andare oltre lo stereotipo della cucina? Bene, sesto motivo: Tollywood, la Hollywood Made in Turin, il Cinema. La storia dell’arte cinematografica, nata proprio qui, ma anche il presente, i festival e il Museo nella pancia della Mole.

E poi ancora, il Museo Egizio (il migliore fuori dall’Egitto), la Movida. Si, la Movida! Finalmente ci riconoscono che abbiamo una Movida, che la Torino grigia è un lontano ricordo.

E, dulcis in fundo, l’arte moderna, il design e l’unicità di reperti culturali, storici e religiosi (la Sindone è qui, eh, casomai qualcuno se lo scordi).

Insomma, per tutte le volte in cui sentite chi si lamenta, per tutti quelli che “Torino fa schifo”, per tutti quelli che “Non lo sapevo”, l’indirizzo è: http://slowitaly.yourguidetoitaly.com/2013/11/10-reasons-why-turin-should-be-on-your-italy-bucket-list/

 

Andrea Besenzoni

(immagini da http://slowitaly.yourguidetoitaly.com)

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here