Home Cronaca di Torino Poli occupato, la protesta va a Roma

Poli occupato, la protesta va a Roma

6
SHARE
Poli occupato, la protesta va a Roma
Poli occupato, la protesta va a Roma
Tempo di lettura: 1 minuto

Si sposta a Roma la protesta dei Precari del Politecnico. Ieri, 19 novembre, una delegazione del Politecnico di Torino, composta da: Fabio Agostino e Paola Lovera Fenoglio (lavoratori precari), Antonio Grassedonio (delegato Rsu FLC CGIL), Igor Piotto (rappresentante FLC CGIL Torino), Simonetta Andreotti (delegata Rsu UIL), Prof. Romano Borchiellini (Vice Rettore e delegato per le Relazioni Sindacali) e dai parlamentari Francesca Bonomo, Paola Bragantini, Umberto D’Ottavio, Silvia Fregolent, Andrea Giorgis e Fabio Lavagno, ha incontrato presso il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca Gianluca Galletti, Sottosegretario con delega all’università del Ministro Maria Chiara Carrozza e i suoi collaboratori.

Spiegano i precari sul loro blog: “Il confronto é  stato introdotto da una presentazione della situazione del Politecnico di Torino, del suo precariato diffuso e delle problematiche inerenti.  Successivamente la discussione si é focalizzata sulle istanze rivendicative che hanno caratterizzato la mobilitazione dei lavoratori negli ultimi due mesi. L’impegno chiesto al Ministero e ai Parlamentari é stato quello di individuare strumenti normativi per un percorso di stabilizzazione dei precari che hanno già sostenuto un concorso pubblico, un allentamento del regime restrittivo delle assunzioni a tempo indeterminato, la possibilità di prorogare gli attuali contratti a tempo determinato (con riferimento alla Legge n. 125/2013 e Decreto Legislativo n. 368/2001) al fine di costruire una programmazione pluriennale finalizzata alle stabilizzazioni.”

Correlato:  Dal centro a Regio Parco: 4 chiacchiere con Carlo Aletti del gruppo Immobiliare Eventa

aula_universitaria_de3ab40a56ca429278d041c4a2fd5484

Le risposte?

Il Sottosegretario si è preso l’impegno politico di risolvere il problema offrendo la disponibilità tecnica del Ministero; nello specifico ha dato disponibilità a verificare la compatibilità tra le richieste di proroga dei contratti e il quadro normativo vigente, a sostenere presso il Governo emendamenti finalizzati a favorire processi di stabilizzazione.

 Nel frattempo la mobilitazione continua, tutte le news su:  http://politoprecario.altervista.org/b/

La Redazione di Mole24



Commenti

SHARE