Home Teatro Priscilla, la prima volta non si scorda mai!

Priscilla, la prima volta non si scorda mai!

19
SHARE
Priscilla la regina del deserto il Musical Torino
Priscilla la regina del deserto il Musical Torino

“Priscilla, la Regina del Deserto”, il musical più sfavillante di tutti i tempi, dopo i successi italiani delle stagioni scorse, torna per la terza volta consecutiva sui palcoscenici italiani, questa volta nella versione tour. Fino al 10 novembre è in scena al Teatro Alfieri di Torino.

Tratto da “Le avventure di Priscilla la Regina del Deserto” – commedia, che ha conquistato tra gli altri, di un Premio Oscar e del Grand Prix Du Publique al Festival di Cannes, con Guy Pearce, Terence Stamp e Hugo Weaving – il musical racconta la storia di Tick, Bernadette  e Adam, eccentrici artisti che, grazie ad un ingaggio, decidono di lasciare la noia e i problemi della loro vita a Sidney e portare il loro spettacolo di drag queen nell’entroterra australiano.

Sulle note di intramontabili hits quali “Go Werst”, “It’s Raining Men”, “Hot Stuff”, “Don’t Leave Me This Way” e molti altri, il pubblico viaggia insieme ai tre protagonisti dello show: Tick/Mitzi (Antonello Angiolillo), Bernadette (Marco d’Alberti) e Adam/Felicia (Riccardo Sinisi).

Priscilla la regina del deserto il Musical Torino
Priscilla la regina del deserto il Musical Torino

Fra i tre, l’unico “a bordo dell’autobus”, fin dalla prima rappresentazione italiana è Antonello Angiolillo, che, con maggiore tenacia e sicurezza, continua a interpretare Tick, il personaggio emotivamente più complesso, in grado di far emozionare davvero il pubblico. Marco d’Alberti indossa con eleganza i panni di Bernadette, ma la sua interpretazione può ancora migliorare, soprattutto sul piano vocale. Il giovane Riccardo Sinisi è la vera sorpresa dello show; vocalità e physique-du-rôle adeguati al personaggio, recitazione a tratti ancora acerba, ma – come si dice in questi casi- “si farà”.  Reduci dal cast precedente, anche Nicola Ciulla (passato al ruolo del meccanico Bob, n.d.r.) e Giada D’Auria, nel ruolo di Cynthia, la sua vulcanica e stravagante “moglie”.

In scena sfilano 495 costumi meravigliosamente glamour firmati da Tim Chappel & Lizzy Gardiner. La scenografia, per ovvie ragioni di tour, risulta adattata a ciascun palco che ospiterà lo spettacolo. E’ proprio vero che “la prima volta non si scorda mai”, ma, in casi come questo, restano tutti gli elementi utili a non alterare l’impatto soprattutto emotivo dell’edizione originale.

Roberto Mazzone

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here