Home Spor-to La Juve cala il Poker

La Juve cala il Poker

3
SHARE
La Juve cala il poker
La Juve cala il poker
Tempo di lettura: 2 minuti


Vittoria senza se e senza ma per gli uomini di Conte, che regolano il Catania con un poker di reti, equamente distribuite fra primo e secondo tempo, e rimangono appaiati al Napoli, all’inseguimento della Roma, stasera chiamata a rispondere contro il Chievo e a proseguire la serie positiva in campionato.

Partiamo da una considerazione, positiva: la Juve da due partite non prende gol. E non è poco, lasciamo perdere l’obiezione secondo cui i due test (Genoa-Catania) non sarebbero stati probanti. Non è che il Copenaghen fosse tanto più pericoloso del Catania.

Quindi: l’aspetto positivo sembra essere una difesa che si riassesta, e l’intervento di Chiellini ieri sera in chiusura sull’incidente a Bonucci, con successiva esultanza stile gol, la dice lunga. E’ presto per cantare vittoria, e la trasferta a Parma e le successive maxisfide contro Real e Napoli saranno i veri test per capire se qualcosa è davvero cambiato.

Juventus+v+Calcio+Catania+Serie+AJ1d-5LG_1ul

Intanto i bianconeri si tengono questo dato: 6 gol subiti in 2 partite fra Firenze e Madrid, altrettanti segnati nei due match successivi. E un gioco che, mano a mano, sembra ritrovarsi. La Juve, seppure ieri non abbia affatto entusiasmato, sembra avere ritrovato la voglia di accelerare, di non aspettare più sorniona come ha fatto per i prime due mesi di campionato, ma di aggredire gli avversari come accadde nelle due scorse stagioni.

Correlato:  Vidal chiude i giochi scudetto, Milan a rischio Champions

Tornando a ieri, ancora eccellente Tevez (un vero leader, sotto tutti i punti di vista, come direbbe Conte), Llorente, che pur in una serata non entusiasmante, sembra crescere di partita in partita. E poi Pirlo, che ritrova una rete con una punizione magistrale e detta i tempi di ogni azione (come al solito sarà il giocatore, al triplice fischio, ad avere giocato il maggior numero di palloni) e la difesa ritrovata. Aspettando la crescita di Marchisio, ieri apparso più tonico, che potrebbe essere davvero l’acquisto in più per gli uomini di Conte.

Marco Gallo

 

SEGUICI ANCHE SU:

logo fb mole                       twitter mole24torino



Commenti

SHARE