Home Cronaca di Torino “Ruba una bici, e andiamo, chi lo sa…”

“Ruba una bici, e andiamo, chi lo sa…”

4
SHARE
"Ruba una bici, e andiamo, chi lo sa..."

Metti che un giorno decidi di lasciare a casa l’automobile. Metti che decidi di prendere la bicicletta. Metti che la lasci attaccata a un palo, perchè magari la destinazione del tuo lavoro, o della commissione che devi svolgere, non prevede rastrelliere o spazi interni per le due ruote.

Se ti trovi in questa situazione, hai serie probabilità di ritrovare soltanto il catenaccio con cui ti ieri illuso di assicurarla dall’arrivo di ladri. Torino ha visto crescere a dismisura negli ultimi anni il numero di biciclette rubate, anche se, per paradosso, quello stesso numero non è coerentemente quantificabile, per un motivo molto semplice: molto spesso chi subisce un furto di una bici non lo denuncia. Si dice una ventina al giorno, almeno, ma ci si deve fidare di calcoli spannometrici. Quel che è certo è che se si va in giro per le piste ciclabili cittadine con un’elegantissima “scatto fisso”, o meno che mai una costosissima bici da corsa, è fondamentale sapere dove lasciarle, al sicuro.

Proprio in questi giorni la Polizia Municipale ha recuperato 72 biciclette definite di lusso, per un valore complessivo di oltre 150 mila euro:  le bici recuperate erano tutte di alta gamma, da corsa o mountain bike, alcune gia’ pronte e imballate per essere spedite. Non si può parlare però solo di una piccola banda di ladri di due ruote, perchè nella cantina dei malviventi sono stati trovati anche diversi orologi di pregio, attrezzature da cantiere, caschi e strumenti musicali.

286069_710316_1810BB11_12729622_medium

Ma si diceva dei numeri, che seppur non riescano a quantificare al dettaglio il fenomeno, ci sono: lo scorso anno la Municipale lanciò il progetto “Ladri di biciclette”, che qualche risultato concreto lo ha pur portato: 146 le biciclette recuperate, 579 denunce o segnalazioni. Di quelle ritrovate 33 erano in dotazione al ToBike e 21 sono gia’ state restituite ai proprietari, mentre undici ladruncoli sono stati arrestati.

Chi ha sporto denuncia ma non ha ancora ritrovato il suo mezzo può provare a cercarlo qui, mentre se si vuole prevenire il fenomeno, per quanto ai limiti dell’impossibile, qualche dritta utile arriva da Informambiente, a questa pagina.

Andrea Besenzoni

 

 

SEGUICI ANCHE SU:

 

logo fb mole                       twitter mole24torino

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here