Home Spor-to Ad Maiora: il Cus vuole crescere

Ad Maiora: il Cus vuole crescere

3
SHARE
Ad Maiora: il Cus vuole crescere
Ad Maiora: il Cus vuole crescere
Tempo di lettura: 2 minuti

Ieri mattina nella sede del CUS Torino di via Braccini 1, è stata posta la prima pietra del nuovo progetto rugby cussino, un’iniziativa assolutamente innovativa, perchè si tratta della prima Public Company presente nel mondo della palla ovale italiana.

“Il progetto”, ha spiegato Andrea Ippolito, direttore generale del CUS, “si chiama CUS Torino AD MAIORA RUGBY 1951 e affonda le radici nella storia rugbistica universitaria torinese nata nel 1951, ispirata ad un modello di finanziamento che per la prima volta in Italia è rivolto alle aziende, e questa non è una novità, ed alla diffusione della proprietà azionaria presso il pubblico degli appassionati. Si tratta di una società sportiva a responsabilità limitata, senza finalità di lucro, che ha obiettivi chiari e programmati già per i prossimi 6 anni di vita.”

Qual’è il senso dell’iniziativa? Lo ha spiegato il presidente Cus D’Elicio:

4019766D'Elicio_touche

“Attualmente il centro sportivo Angelo Albonico sede del rugby universitario è di proprietà della Provincia, ma per costruire “la casa del rugby piemontese” è necessario  avere la proprietà dell’impianto o almeno una concessione che ci consenta di progettare gli ingenti investimenti strutturali necessari (spogliatoi, club house, tribune) a far diventare l’Albonico il punto di riferimento per tutte le famiglie e gli appassionati di rugby del Piemonte. Nel secondo ciclo triennale il traguardo è di arrivare all’Eccellenza, ed a livello giovanile lottare in tutte le classi di età per il massimo riconoscimento nazionale. A livello quantitativo l’obiettivo è arrivare alla quota di 1000 tesserati, anche attraverso una politica di decentramento sulla città delle scuole di rugby Ad Maiora.

Correlato:  “Just the Woman I am” : la festa della Donna aiuta la ricerca

CUS Torino AD MAIORA Rugby metterà a disposizione 151 quote supporter, del valore di 900 euro l’una. La prenotazione della sottoscrizione sarà poi valutata dal CDA societario e, se accettata, darà diritto a ricevere una serie di servizi esclusivi che permetteranno agli azionisti di vivere in maniera diretta e coinvolgente la vita societaria: una maglia numerata pezzo unico socio sostenitore, 2 biglietti per la partita test match Italia – Australia del 9 Novembre 2013 a Torino, la partecipazione ad un evento esclusivo per i soci  con la partecipazione della Nazionale Italiana, 2 abbonamenti tribuna per assistere alle partite casalinghe delle squadre cussine, l’accesso alla club house, un evento annuale terzo tempo supporter con atleti e tecnici della squadra, possibilità di accedere gratuitamente al Fitness Supporter Program guidato dal coach Regan Sue e dai giocatori/giocatrici di serie A organizzato presso l’impianto, la partecipazione all’evento “Ad Maiora” che si terrà nel mese di Giugno per i soci”.

Per diventare socio è possibile compilare il modulo scaricabile dal sito internet www.admaiorarugby.it/areasoci.

Tutte le informazioni invece sono su www.admaiorarugby.it.

In occasione della presentazione è stata consegnata la maglia del progetto a Carlo Checchinato, ex azzurro e attuale componente della FIR, in veste di testimonial tecnico. Hanno ricevuto la maglia anche tutti gli ospiti presenti in Sala Nebiolo, che hanno poi preso parte a una dimostrazione in palestra di touche e passaggi, coordinata da coach Sue e dai giocatori della prima squadra.

Correlato:  Olimpiadi invernali del 2026, la Federazione Sci spinge per portare l'evento a Torino

A.M. (Fonte: Cus Torino Rugby)

 



Commenti

SHARE