Home Cronaca di Torino Venaria, tangenti a corte

Venaria, tangenti a corte

40
SHARE
Venaria, alla ricerca dei fantasmi nella Reggia
Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stato per qualche anno il simbolo della rinascita di Torino in veste di cultura. Il simbolo di una città che si lascia alle spalle il passato targato Fiat e tenta il suo rilancio in chiave monumentale, storica. Il simbolo, infine, di una città post Olimpica che non vuole lasciare sfumare il sogno a cinque cerchi. E ora racconta invece una brutta storia di tangenti.

Parliamo del complesso della Reggia di Venaria, che  ha portato in Piemonte centinaia di migliaia di turisti dal 2007, anno del suo varo, con punte maggiori raggiunte nel 2011, in coincidenza con  i 150 anni dell’Unità Italiana. E che ora ha assunto l’onore delle cronache per motivi non proprio culturali in senso stretto.

venaria reale

Nel 2011 partì infatti un’inchiesta per indagare su ipotesi di reato di reati di turbativa d’asta e truffa aggravata per i lavori di restauro della Venaria Reale e di altre dimore storiche del Piemonte: la settimana scorsa la svolta, con l’arresto di cinque persone, fra cui “pezzi grossi” come l’ex sovrintendente Francesco Pernice, ora direttore del Settore Conservazione dei Beni architettonici e Impianti del Consorzio di valorizzazione La Venaria Reale e direttore delle Reggia. Gli altri arrestati: Ezio Enrietti, ex presidente della Giunta regionale, Claudio Santese, della LES Srl, Francesco Paolo Della Rossa, della Edil Atella e Giuliano Ricchiardi, funzionario regionale.

Correlato:  La pedonalizzazione di via San Donato divide residenti e commercianti del quartiere

Oggetto del contendere 5 gare d’appalto del biennio 2011-2012: una decina i milioni di euro in ballo, per realizzare parcheggi e migliorare la viabilità vicino alla Reggia, ma non solo. Fra le gare d’appalto spicca infatti anche il restauro dei Giardini Reali, in pieno centro a Torino.

Nel dettaglio, i reati contestati sono turbativa nelle gare bandite dal Consorzio di valorizzazione della Venaria Reale o dalla Regione Piemonte, truffa aggravata e falso in atto pubblico, frode e corruzione: mica male.

 Andrea Besenzoni

SEGUICI ANCHE SU:

 

logo fb mole                       twitter mole24torino



Commenti

SHARE