Home Urbanistica I parcheggi della Torino del futuro

I parcheggi della Torino del futuro

20
SHARE

190 auto sotto la Gran Madre.

È questa la capienza che avrà il parcheggio sotterraneo proposto dal Comune di Torino e il cui progetto ha ricevuto nei giorni scorsi il via libera della Soprintendenza.

All’assessore alla Viabilità Claudio Lubatti mancava ancora l’assenso della Gtt, preoccupata dell’eliminazione delle rotaie del tram intorno alla chiesa a pianta circolare più famosa della città, ma anche questo scoglio è stato superato. Il 13 potrà invertire la direzione di marcia in lungo Po Cadorna e quindi via libera alla rimozione dei binari che tanto preoccupavano i tecnici della Soprintendenza a causa delle continue sollecitazioni sulle pareti della Gran Madre e all’impatto estetico.

to_0084
Un’immagine storica della Gran Madre con il 13 barrato

Il parcheggio interrato è stato a lungo osteggiato dai residenti della zona, promotori di numerose iniziative di protesta, tra cui una petizione con oltre 1.300 firme volta a bloccare il progetto, nonostante la rassicurazione che una parte dei posteggi sarebbero stati pertinenziali.

Palazzo Civico, intanto, procede per la sua strada: da un lato la pedonalizzazione di alcune aree spalmate su tutto il territorio cittadino, dall’altro, per rimpinguare nel medio periodo le casse comunali e liberare posti auto in superficie, la costruzione di parcheggi sotterranei sulla falsariga di quello della Gran Madre.

8155412165_1995d801c7_b
Una simpatica ricostruzione con i Lego – fonte tramditorino.it

Ne è un esempio il cantiere in procinto di aprire in corso Marconi dove, nonostante l’opposizione degli abitanti della zona, l’appalto è stato assegnato e la ditta selezionata (grazie ad un’offerta addirittura superiore al dovuto) inizierà a breve i lavori di scavo.

Sbloccata, infine, anche la situazione di via Lagrange che garantirà garage pertinenziali e una perfetta mobilità per i pedoni del salotto buono di Torino.

Marco Parella

 

     

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here