Home Teatro Insolito 2013/2014: la stagione teatrale di Assemblea Teatro all’Agnelli di Torino

Insolito 2013/2014: la stagione teatrale di Assemblea Teatro all’Agnelli di Torino

3
SHARE
Tempo di lettura: 3 minuti

«Nella vita tutto è insolito finché non ci si abitua», scriveva L. Frank Baum, l’apprezzato autore de Il mago di Oz. Ma dell’Insolito targato Assemblea Teatro non ci si abitua davvero mai! Una rassegna che annualmente cambia pelle mantenendo però sempre saldi alcuni punti fondamentali – una linea tracciata nel tempo dal Direttore Artistico Renzo Sicco che segna l’unicità del percorso italiano e internazionale di Assemblea Teatro.

Un solidissimo cartellone centrale composto da 4 titoli di peso – URGE/SCINTILLE/IL VIZIO ASSURDO/AI PE’ DE STA’ MOUNTANHO – sarà accompagnato dalle finestre dedicate al teatro in lingua (quest’anno arricchito anche dall’ospitalità ad una compagnia belga), al teatro del giovane panorama torinese e piemontese e all’indimenticata TORINONONDORME, notte di teatro e cultura nata quando ancora le notti bianche erano là da venire, quest’anno tutta al femminile.

Alessandro Bergonzoni, che a Torino, al Teatro Erba, arrivò giovanissimo e poco conosciuto nel 1988, ha voluto chiudere il percorso artistico del suo URGE con una serie di date in alcuni teatri Italiani. A Torino, con Assemblea Teatro, Urge fece una data zero, tre anni fa. E a Torino, per cinque serate, saluterà il pubblico italiano dopo aver calcato centinaia di palchi e incontrato migliaia di spettatori.

bergonzini teatro Torino
bergonzini teatro Torino

Laura Curino e il suo SCINTILLE – spettacolo firmato da Laura Sicignano e Teatro Cargo, una novità che ha debuttato asl festival di Borgio Verezzi la scorsa estate – a dicembre, per due serate, offrirà occasione alla brava attrice piemontese di incontrare ancora una volta il pubblico torinese.

Correlato:  La grande scatola dei sogni di Torino Spettacoli

Erano gli Anni ’70 quando Vannucchi con IL VIZIO ASSURDO raccontava, attraverso le parole di Fabbris e Lajolo, la tragica scomparsa di Cesare Pavese. Quello spettacolo a 14 voci ebbe un successo travolgente, restando però fuori dal circuito torinese, probabilmente per questioni legate alla casa editrice e al modo in cui Pavese ci lasciò.

Altra novità assoluta che nasce da una collaborazione tra Valeria Tron e Assemblea Teatro, AI PE’ DE STA’ MOUNTANHO, dopo il successo estivo di una prima presentazione all’interno della Fortezza di Fenestrelle, diventa oggi un concerto/spettacolo pronto a raccontare, in una maniera inconsueta e a tratti commovente, la montagna, sfatandone quella patina amena che oggi si tende ad attribuirle, per raccontarla in tutta la sua cruda durezza, e bellezza. Sul palco il canto in occitano e a contraltare Cristiana Voglino a tradurre parole ed emozioni.

Anche l’irruenza e la forza del teatro “giovane” saranno ancora una volta protagonisti a Torino. Assemblea Teatro vuole quest’anno riconfermare la sua vetrina allargandola a nuove compagnie. Ecco allora Ballata dei Lenna, Funky Village, Mulino di Amleto, Thon gu, Officina per la Scena, e a chiudere i rodatissimi Accademia dei Folli e Super Shock. Sfida nella sfida l’anteprima nazionale di Biscotti integrali per la libertà, spettacolo finalista al Premio scenario 2013, che Assemblea Teatro – membro storico del Premio – ha voluto accompagnare nel percorso di allestimento in forma definitiva, offrendo uno spazio per provare ma soprattutto una ribalta come quella dell’Insolito per potersi presentare agli operatori e al pubblico.
I temi sono i più vari, la buona musica unita al cinema d’autore, sino all’abbraccio della letteratura.

Correlato:  Il circo psichiatrico sbarca in città

Giunta alla sua ventesima edizione, Domenicamattinateatro!, la rassegna dedicata alle famiglie e ai più piccoli quest’anno offrirà quindici domeniche e spettacoli di alcuni fra i gruppi storici del panorama del teatro ragazzi italiano.

E non mancherà nemmeno il teatro in lingua, ormai alla sesta edizione, un vero classico che il pubblico torinese non vuole mancare. Una tra le tante e continue scommesse della compagnia, la rassegna quest’anno ospita, oltre ai titoli di “casa” Funeral de Neruda e Viva la Vida!, l’attrice uruguayana Veronica Caissiols di Reon Teatro

 Un secondo palco in lingua, poi, per il debutto  italiano della coproduzione internazionale realizzata in Belgio a Liegi, al Museo di Arte Contemporanea, con la compagnia PI 3.1415, L’HOMME QUI VALAIT 35 MILIARDS.
Dopo aver toccato Belgio, Lussemburgo, Francia, giunge in Italia questo spettacolo nato all’interno di una collaborazione europea che, al centro, ha posto il tema delle Città, dei loro cambiamenti e della riqualificazione delle grandi aree industriali. Tema centrale per Torino, che Assemblea Teatro aveva già toccato nel proprio percorso artistico, ora arriva sul palco con una divertente produzione in lingua francese.

Prezzi tra i 20 e i 4 €. Permane la formula UP TO YOU, il teatro lo paghi quanto vuoi tu, un “invito”, che il pubblico sta incominciando a cogliere e sfruttare, a fare della serata a teatro un appuntamento  in cui arrivare “in gruppo”, con tanti amici, o a volte la famiglia, per far conoscere anche a loro una passione o un modo “altro” di condividere una serata.

Correlato:  “I promessi sposi”, oggi come ieri, sul palco dell’Alfieri di Torino

r.mazzone@mole24.it

     

 



Commenti

SHARE