Home Arte Storia della Reggia di Venaria Reale: tutto ciò che c’è da sapere!

Storia della Reggia di Venaria Reale: tutto ciò che c’è da sapere!

1010
SHARE
Storia Reggia Venaria Torino Piemonte
Tempo di lettura: 2 minuti

Storia Reggia di Venaria: tutto quello che c’è da sapere!

La storia

Progettata originariamente come centro di attività manifatturiere, oltre che di svago, la Venaria Reale si è formata come conseguenza di un’ideologia basata a metà tra l’economia e la regalità.

Agli inizi Venaria era l’ennesima struttura dei Savoia destinata alla caccia e alla coltivazione come già succedeva con il Valentino ed il Regio Parco.

Si creavano grandi boschi e piantagioni, si coltivava , poi si vendeva, in piazza.L’eccesso del raccolto che non sarebbe stato consumato a corte.

L’unica differenza di Venaria, con gli altri due possedimenti però, stava nel nascere grazie al nuovo borgo in direzione di Torino, e non viceversa.

Storia Reggia Venaria Torino Piemonte

L’economia che in quegli anni in Piemonte avanzava prettamente tramite l’agricoltura, grazie al generale delle finanze Truchi, prese un’altra direzione.

Il generale puntò su due obiettivi focali, lo scalo di Nizza per gli scambi commerciali e lo sviluppo del corpo manifatturiero. La prima anche se fallimentare, fu una idea geniale ed una scommessa per quei tempi nemmeno da poco. La seconda invece, prova che riuscì alla grande, regalò al Piemonte grandi svolte commerciali.

Storia Reggia Venaria Torino Piemonte

Difatti proprio il campo tessile, rese il Piemonte esportatore della seta. Inizialmente venduta grezza e successivamente in “organzino”, un semilavorato di pregio, trovò compratori soprattutto tra le aziende tessili di Lione.

Correlato:  Arriva "Vigna in città", Palazzo della Luce si trasforma in un'enoteca: degustazioni di vino nel week end

La lavorazione della seta a conti fatti arricchì Venaria fino a ‘700 inoltrato, rendendo la stampa incisa nel “Theatrum Sabaudiae”, raffigurante Venaria come centro pulsante del lavoro, un’immagine verace.

C’è anche da considerare che attorno alla Reggia, nacque, grazie alla pace e ai finanziamenti pubblici e privati, un ambiente decisivo per lo sviluppo futuro dell’intera area.

Storia Reggia Venaria Torino Piemonte

 La Venaria Reale oggi

Ad oggi il progetto la Venaria Reale è il più grande cantiere di beni culturali in Europa: rappresenta una realtà barocca tornata in voga come simbolo di modernità.

In più essendo secondo l’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, è il fulcro delle residenze reali piemontesi e anello di contatto con il polo reale ed il sistema museale di Torino. 

Storia Reggia Venaria Torino Piemonte

Si può quindi affermare che la Reggia non ha perso il suo principale obiettivo: essere un grande spazio dedicato ai piaceri, in un ambiente storico adeguato alle esigenze di tutti.

Concerti, spettacoli, esibizioni, attività culturali e di divertimento che coinvolgono ogni tipo di pubblico, si alternano ogni giorno, e le attrattive all’interno della stessa come caffetterie, bookshop, punti ristoro, ristorante d’eccellenza, attività didattiche, affitto delle location e accessibilità per i diversamente abili rendono la Reggia un libro che non si smetterà mai di leggere.

 

a cura di Damiano Grilli

(Seguici su Facebook!)

Correlato:  Torino, il Borgo Medievale sarà privatizzato: risparmi per un milione

 



Commenti