Home Spor-to Juve Lazio, la storia non cambia

Juve Lazio, la storia non cambia

8
SHARE
Juve Lazio 4- 1 serie A Tim 2013 -2014
Juve Lazio 4- 1 serie A Tim 2013 -2014
Tempo di lettura: 2 minuti

Sono passate appena due settimane dalla Supercoppa italiana giocata a Roma con la Juve che ha alzato il primo trofeo stagionale facendo capire a tutti che quest’anno la musica non è cambiata e che gli uomini di Conte anche quest’anno saranno la squadra da battere.

Bene, molti pensavano che la voglia di rivincita dei laziali rendesse più equilibrata la sfida di campionato. Invece nulla è cambiato, anzi…

Se possibile, come ha detto lo stesso Conte a fine gara, i primi venti minuti della Juve sono stati “incredibili” per velocità, qualità ed intensità di gioco, meglio ancora della gara dell’Olimpico. Il premio di migliore in campo se lo aggiudica sicuramente Vidal, per la doppietta e la qualità di gioco.

E se Bale vale 100 milioni di euro, quale dovrebbe essere la valutazione di mercato del “guerriero cileno”?

Juve Lazio 4- 1 serie A Tim 2013 -2014

Dopo appena ‘2 Hernanes tira da fuori e Buffon risponde presente, ma la gara si sblocca al ’15 con una giocata d’alta scuola. Ad incantare la platea dello Juventus stadium è un delizioso pallonetto nello stretto di Pogba, bravo nel limite a servire nello stretto in area Vidal che si infila nello spazio, controlla e supera Marchetti.

La Lazio prova a reagire e lo fa come sempre con un tiro da fuori, ma il raddoppio è nell’aria e porta sempre la firma del centrocampista cileno. Siamo al ’25, questa volta il lancio è di Bonucci, quasi dalla difesa: Vidal sorprende completamente la difesa laziale, controlla e fulmina ancora una volta Marchetti firmando il 2-0.

Correlato:  Juve, tre punti fondamentali a Verona

I laziali giocano male, la gara sembra chiusa, ma a riaprirla ci pensa… Buffon. Tiro da fuori di Hernanes, Buffon non trattiene e al ’28 Klose ribatte in rete segnando la sua prima rete alla Juve da quand’è in Italia.

Juve Lazio 4- 1 serie A Tim 2013 -2014

Nella riprese ci si aspetta una Lazio migliore, una squadra capace di tenere il campo, invece i secondi ’45 sono veramente un monologo bianconero. La difesa biancoceleste è veramente imbarazzante, tanto che la pagella di Novaretti è da 4.

Al ’47, appena il tempo di ricominciare a giocare, e la Juventus ha nuovamente due reti di vantaggio. L’assist-man ancora una volta è Bonucci, Vucinic incredibilmente passa intorno a Novaretti senza che il difensore della Lazio riesca ad intervenire e batte nuovamente Marchetti: 3-1.

Juve Lazio 4- 1 serie A Tim 2013 -2014

La Lazio non ha più la forza di rialzarsi, la festa juventina sembra finita, ma manca ancora la ciliegina sulla torta. Lo Juventus stadium, infatti, esplode al ’75 quando Tevez si libera al limite dell’area e infila nell’area per il definitivo 4-1 e mostra ai tifosi la maglietta “Fuerte Apache”.

E’ il primo bianconero dai tempi di Roberto Baggio a segnare tre reti nelle sue prime tre partite in bianconero.

Sì, la stagione è iniziata nel migliore dei modi.

 

Andrea Magri

 



Commenti

SHARE