Home Cronaca di Torino Bilancio di previsione del Comune: Tagli per 30 milioni

Bilancio di previsione del Comune: Tagli per 30 milioni

6
SHARE

Entro il 30 settembre saranno approvate le linee guida del bilancio di previsione per l’esercizio 2013, che sono state definite la scorsa settimana: tra qualche settimana il provvedimento finanziario, nella sua veste formale di delibera con i relativi allegati, sarà presentato in Giunta per poi passare all’esame del Consiglio comunale.

Il preventivo pareggia a un miliardo e 250 milioni di euro, e l’aspetto principale pare essere la riduzione di spesa corrente di 30 milioni rispetto scorso anno.

Il Comune mette l’accento sul fatto che “L’equilibrio di bilancio è stato conseguito senza aumentare la pressione fiscale e, per la prima volta da dieci anni a questa parte, senza ricorrere ad entrate straordinarie. Si è agito sul contenimento della spesa attraverso, soprattutto, la revisione dei contratti di servizio, interventi sul costo del personale e di riorganizzazione e razionalizzazione della macchina comunale.”

Invariati i servizi: secondo la nota del Comune la spesa per i servizi educativi e quelli di welfare è stata mantenuta ai livelli dello scorso anno (106 milioni euro per il welfare e 73 milioni di euro per il sistema educativo) e, più in generale, le scelte del bilancio di previsione 2013 confermano l’offerta complessiva dei servizi al cittadino.

Da dove arriveranno i fondi da destinare alle spese? Da dismissioni immobiliari e cessione di quote di partecipazioni societarie.

bilancio-749526

Tasto dolente: il debito della città: nel 2014, se il trend è questo, si ridurrà a 3 miliardi di euro: alla faccia. Intanto comunque, seppur di poco, il debito si contrae: nel 2011 di 32 milioni, nel 2012 di 82 e nel 2013 di altri 115.

“L’equilibrio è tanto più significativo perché conseguito in un contesto di forti tagli dei trasferimenti dallo Stato (solo 12 milioni per il 2013 e una drastica riduzione di risorse negli ultimi due anni) e in quadro di incertezza normativa. Noi – ha sottolineato l’assessore Passoni – abbiamo agito ponendoci l’obiettivo di raggiungere l’equilibrio di bilancio senza far ricorso ulteriore alla leva fiscale per aumentare le entrate, ma contenendo la spesa attraverso la revisione dei contratti di servizio, la programmazione accurata di ogni singolo assessorato, una attenta gestione di ogni singola attività, introducendo se necessario nuovi modelli organizzativi e, in ogni caso, cercando di ottimizzare al massimo l’impiego delle sempre più scarse risorse disponibili, avendo come punto fermo il mantenimento dei servizi”.

La Redazione di Mole 24

(Dati e dichiarazioni: Ufficio Stampa Comune di Torino)

 

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here