Home Spor-to Il Museo dello sport ricomincia dalle scuole

Il Museo dello sport ricomincia dalle scuole

2
SHARE
Torino Museo Sport
Torino Museo Sport
Tempo di lettura: 1 minuto

Sembra scampato il pericolo di una chiusura imminente per il Museo dello Sport.

Nel giugno scorso, il presidente Onorato Arisi aveva lanciato l’allarme: ignorato dalle istituzioni e dall’amministrazione locale, il Museo avrebbe dovuto scomparire o trovare casa altrove. Invece, sembra che l’estate abbia portato consiglio, e il Museo potrà restare all’ interno dello Stadio Olimpico di Torino. A manifestre la loro solidarietà nei confronti del Museo, aperto neppure dodici mesi fa e partito in sordina, erano arrivate le voci dell’assessore alla cultura del Comune, Maurizio Braccialarghe, e del direttore del settore Sport e Turismo della Regione, Franco Ferraresi.

Ora, però, bisogna riaprire dopo la pausa estiva, e alla grande.

Tra le soluzioni ideate per il rilancio, c’è anche un progetto in collaborazione con le scuole. Una parte dei cimeli viaggerà in sessanta scuole di Torino e provincia, facendo scoprire a molte classi le storie di molte leggende dello sport. Il rapporto con i bambini è sempre stato uno dei punti di forza del Museo, nonostante gran parte dei cimeli raccolti da Arisi faccia riferimento a storie che avevano appassionato i bambini di altre generazioni.

Torino Museo Sport apertura

 

Eppure, fino a luglio era stata trovata una soluzione geniale per rendere fantastica la visita delle classi, la visita teatrale. Si tratta di un espediente semplice: oltre alla guida/attrice (di nome Guida) è presente un altro personaggio, il suo imbranato, ma devoto spasimante. Tocca a lui raccontare gran parte delle storie legate a magliette, caschi, palloni e quant’altro, in mezzo a improbabili canzoni come quella in cui spiega che, per amore, partirebbe in barca a vela come Giovanni Soldini.

Correlato:  Il Toro sfata a fatica il tabù Parma

Quale miglior modo per conquistare il cuore di Guida?

I bambini, coinvolti con entusismo in questa visita improbabile, seguono con grande attenzione e scoprono finalmente chi sono i personaggi di cui i loro genitori parlano sempre.

Giulia Ongaro

 



Commenti

SHARE