Home Spor-to Schizofrenia Toro: di Pescara, di mercato e di Sassuolo

Schizofrenia Toro: di Pescara, di mercato e di Sassuolo

1
SHARE
Schizofrenia Toro: di Pescara, di mercato e di Sassuolo
Schizofrenia Toro: di Pescara, di mercato e di Sassuolo
Tempo di lettura: 4 minuti

Lo stesso tifoso,  ( Fran & Cesco) due anime che si parlano, in un periodo ricco di contraddizioni

FRAN: allora, sei pronto? Ricomincia il campionato! Domenica sera tutti allo stadio!

CESCO: mah, pronto…si fa presto a dire pronto…diciamo che non provo tutto questo fomento, ecco.

FRAN: ma come non lo provi? Non sei tu quello che pensa che l’inferno sia composto da una serie interminabili di domeniche estive senza campionato?

 CESCO: ma sì, ma sì…è che lo provavo…l’altra volta. Sabato, ecco. Tutti felici per sto primo turno di Coppa Italia, tutti sorridenti, ma c’era un’aria strana, forse pure noi abbiamo sottovalutato sta partita, qualcuno ha portato la fidanzata che non era mai venuta allo stadio in vita sua e…abbiamo perso.

FRAN: ti sei risposto da solo, abbiamo perso, perché c’erano le ragazze allo stadio. Che si fa così? Si porta una ragazza che non ci è mai venuta allo stadio in una gara a eliminazione diretta? E allora ditelo che volete perdere.

CESCO: ma no, non può essere sempre e solo scaramanzia. Per una decina di minuti, oh, abbiamo anche giocato bene, infatti dicevo al mio vicino, guarda che trame, che schemi, quelli non ci capiscono niente.

FRAN: E poi?

 CESCO: E poi gli altri hanno capito e quelli che non ci hanno più capito niente siamo stati noi, sto 3-5-2 o 5-3-2, con tutti che corrono, ma non sanno dove mettersi, qua siamo troppi, là siamo pochi, El Kaddouri che si fa trovare al posto sbagliato, Basha che quando entra si fa trovare a quello giusto, ma per come ha tirato sarebbe stato meglio che fosse stato in quello sbagliato…

Schizofrenia Toro: di Pescara, di mercato e di Sassuolo

FRAN:ancora con sto schema. L’Anno scorso ce l’avevi col 4-2-4, ora te lo cambiano per il 3-5-2, il grande 3-5-2 che fece tremare il Milan e ti lamenti. Che bel tifoso sei, mai coerente, mai.

Correlato:  Rugby, il Cus Torino piegato all'ultimo minuto

CESCO: Sì, sì, comunque il Milan ha tremato, ma noi abbiamo perso pure lì. E poi non è che ogni anno devi fare uno schema solo, solo quello, solo lui, tutti lo imparano e poi riparti da zero. Non puoi fare una volta il 4-2-4, quella dopo il 3-5-2, a seconda del giocare contro il Cagliari o il Real Madrid? E un 4-3-3? Va beh che Cairo ha comprato La7, va beh che c’è Santoro, ma un altro “Annozero” no!

FRAN: dai, ma che vuoi che sia sta Coppa Italia, tutti sono stati fuori al primo turno una volta nella vita. Ascolta il mister: è stata una partita utile dal punto di vista didattico, ha capito più cose in sta partita che in tutto il precampionato.

CESCO: e ci credo, nel precampionato ha giocato contro l’Albese (e ha pure pareggiato). Ma non potevamo fare un’amichevole contro una squadra di livello? Almeno se perdevi, correggevi e in coppa passavi. No, in una gara ufficiale fai la didattica.

FRAN: quanto sei negativo! E dire che sto mercato ti fomentava.

CESCO: Ancora con sta parola? Ancora con sto fomento? A luglio mi fomentavo, ero al mare, collegavo il wifi e arrivava Immobile, poi arrivava Bellomo, poi El Kaddouri, poi sembrava dovesse arrivare Ghoulam da un momento all’altro, quasi fatta per Ghoulam, manca un dettaglio per Ghoulam e già lì qualcosa doveva farmi scattare un campanello, ma niente, il sole, le onde e sti giovanotti di belle speranze, sti stranieri esotici che poi è venuto fuori che era un problema per gli schemi del mister che non sapessero parlare in italiano, manco dovessero commentare Umberto Eco, invece di segnare due gol col Pescara. Ora è agosto, ma gli acquisti sono rimasti gli stessi di luglio. Ci manca il portiere, ci manca il terzino sinistro, ci manca un altro centrocampista e come sempre ci ritroviamo ai saldi di fine stagione. Ma dai, che si fa così? Che si interrompe un’emozione a metà?

Correlato:  Cus Torino, splendido finale di stagione

FRAN: Dai tempo, non possiamo giudicare tutto subito, fino a luglio eravamo da sette, ora ad agosto…

CESCO: Ora ad agosto?

FRAN: ora ad agosto…niente. Tornano in auge i soliti quasi da rottamare, che se Renzi diventasse mai premier ci farebbe espellere da tutti i campionati per decreto legge.

CESCO: Ecco, bravo, vedi? Dai, vai su internet un attimo, vedi se stiamo trattando qualcuno

FRAN: un attimo solo che mi collego…eh…

CESCO: che c’è? Sei pallido.

FRAN: Guarda.

CESCO: No.

FRAN: Sì.

CESCO: Ma è lui o è un omonimo?

FRAN: Di Maresca, con sta faccia, io conosco solo lui.

CESCO: e noi lo prendiamo?

FRAN: Petrachi è stato molto chiaro. Ecco, valutiamo.

Gianluca Petrachi Direttore sportivo Torino
Gianluca Petrachi Direttore sportivo Torino

CESCO: Milioni di giocatori sulla faccia della terra e noi ci interessiamo a lui, che è già un reato interessarsi, perchè in un mondo di gente che ci ha preso per il culo, lui è stato quello che ha alzato l’asticella e ce lo ricordiamo ancora adesso. Se il parametro è quello, allora abbiamo già Antonini terzino sinistro, tanto le corna ce le ha fatte pure lui, Mareco e Borghese stopper e l’arbitro Barbaresco di Cormons come presidente onorario.

FRAN: quanto sei umorale, era solo una voce, e che sarà mai. Ha anche detto che le corna non le ha fatte ai tifosi del Toro, ma solo a Ferrante che provocava.

Correlato:  Jovetic-Tevez, le verità nascoste

CESCO: ah, allora è tutto a posto. Queste verità che escono dieci anni dopo. Forse era troppo impegnato a scappare a fine partita per spiegarlo subito, sai com’è. Ma fammi il piacere.

FRAN: Vedrai che non lo prende, dai, vedrai che non lo prende. Piano piano capisce anche Petrachi, dai, è migliorato, non ha nemmeno augurato a Conte di vincere lo scudetto. Siamo…sulla buona strada…(detto con la voce incrinata dal pianto, ndr)

CESCO: non fare così, dai, sono solo nervoso per la brutta settimana.

FRAN: speriamo di finirla bene, invece. Sto Sassuolo è alla portata, eh. Poi sto Squinzi, sì, potente, ma ogni volta che parla fa salire lo spread…

CESCO: fa salire lo spread, ma adesso tratta Belfodil, Sansone e compagnia, mentre noi stiamo trattando Pasquale che è terzo alle spalle di Almiron  e Maxi Lopez fra i calciatori accostati al Toro inutilmente negli ultimi anni. Però sai che ti dico?

FRAN: Eh

 CESCO: Sarà il mio essere un po’ proletario, ma pensare alla faccia di Squinzi se vinceremo mi ha fatto tornare il fomento. Vado a mettermi la sciarpetta. Che magari Pasquale sente aria di casa, torna e sfreccia sulla fascia. Che magari El Kaddouri capisce dove deve stare. Che Bellomo per fortuna l’ha già capito. Che magari quest’intesa Immobile-Larrondo continua a progredire.. Che magari Cerci, snaturato seconda punta, all’improvviso diventa naturalmente devastante anche lì. Che magari qualcuno ci dice che su Maresca hanno scherzato. Ci vediamo in Maratona.

 FRAN: Ci vediamo in Maratona.

 

(a cura di Fran  & Cesco Bugnone)

 

 



Commenti

SHARE