Home Enogastronomia A Torino hamburger e gelati da primato

A Torino hamburger e gelati da primato

59
SHARE
A Torino hamburger e gelati da primato
A Torino hamburger e gelati da primato
Tempo di lettura: 2 minuti

Torino si (ri)scopre capitale del gusto nelle “portate” più antitetiche che si possano immaginare.

Il portale eno-gastronomico Dissapore.com è famoso per le sue classifiche con le quali fornisce preziosi consigli ai gourmet e ai tanti golosi di tutto lo Stivale, sempre a caccia di prelibatezze poco conosciute o degli specialisti di un piatto in particolare.

A Torino hamburger e gelati da primato

Ebbene, con grande orgoglio possiamo dire, senza paura di essere smentiti, che il miglior hamburger misto d’Italia (manzo+maiale) si mangia a Torino, al M**Bun per la precisione, l’hamburgeria che osò sfidare il colosso dei panini Mc Donald’s con prodotti di qualità legati al nostro territorio.

E se per assaggiare un buon “foie gras burger” dovete andare a Milano (Al mercato, via Sant’Eufemia 16) e per un “lowfat burger” (con carne cotta al forno e dunque non grassa) c’è bisogno di spingersi fino da Argburger a Genova, il M***Bun torinese (via U. Rattazzi 4, corso Siccardi 8) o rivolese (c.so Susa 22) rimane il punto di riferimento per un panino coi “controfiocchi”.

Torino miglior hamburgher e gelato

Torino è nuovamente citata per la categoria di sandwich più amata dai giovani, quelli economici!

Per chi volesse sfamarsi senza spendere un capitale, infatti, il posto giusto è la Burgheria di via delle Rosine 1 o di via del Carmine 24F dove, a prezzi modici, si potranno assaggiare i tre classici o il “Protagonista” della settimana.

Correlato:  Smart Tree: le buone pratiche ambientali mettono radici

Per chi vuole invece sfuggire agli ultimi caldi agostani, il medesimo portale ha stilato la classifica delle migliori 50 gelaterie artigianali d’Italia del 2013. Torino è citata tre volte, ma non per i nomi che forse vi aspettereste. Niente Fiorio, Grom o marchi famosi: la quarta gelateria più buona del Belpaese è quella di Alberto Marchetti che, in corso Vittorio Emanuele II 24bis o in via Po 35, vi servirà i suoi gusti migliori, zabajone e farina bona.

Marchetti nella classifica del 2011 era arrivato addirittura primo e negli ultimi due anni ha aperto una gelateria ad Alassio, una a Londra e persino il New York Times lo cita tra le mete piemontesi da non perdere.

A Torino hamburger e gelati da primato

 

 

Alla posizione numero 23 troviamo invece la Gelateria Popolare di Borgo Dora numero 3, non un semplice gelataio, ma un laboratorio sociale che attraverso mini spettacoli ed altre iniziative promuove la sua filosofia. Solo ingredienti equo-solidali, l’acqua utilizzata è quella dell’acquedotto, ma sfido chiunque di voi a non leccarsi i baffi davanti al loro gianduja o limone & zafferano.

Per chiudere il trittico di eccellenze dolciarie nostrane, al numero 40 si posiziona l’Agrigelateria San Pè (Poirino), la stessa che rifornisce anche i due Eataly del Lingotto e di Pinerolo. La prima agrigelateria nata da queste parti, la prima ad avere una produzione propria completa che parte dalle mucche e arriva fino al cono. Potete comprare il latte appena munto in bottiglie di vetro, fare un pic-nic nell’ampio prato antistante o semplicemente divorare una vaschetta da mezzo chilo di fiordilatte e bunet.

Correlato:  Ecco la ricetta per preparare a mano gli Gnocchi!

Alla faccia del ritorno in ufficio!

 

Marco Parella

 



Commenti

SHARE