Home Musica Concerto di Ferragosto: note ad alta quota

Concerto di Ferragosto: note ad alta quota

25
SHARE

Il concerto di ferragosto sulle montagne del Piemonte giunge quest’anno alla sua trentatreesima edizione. Ancora una volta, la location scelta è nel cuneese, e più precisamente Pian del Re, a Crissolo, ovvero la sorgente del fiume Po alle pendici del Monviso.

La cima alpina ha appena ottenuto dall’Unesco la nomina a “riserva della biosfera”. Il concerto, però, è un evento ormai storico per tutta la regione, visto che raccolgie ogni anno quasi diecimila persone che decidono di passare il 15 di Agosto in alta montagna per un’escursione coronata dalla musica sinfonica. Come ogni anno, non si tratta di una camminata proibitiva, ma di un’occasione per tutti di vivere la montagna: da Crissolo a Pian del Re la camminata dura circa due ore e mezza, sono ammesse anche e bici e gli amici a quattro zampe.

Per quanto riguarda i mezzi a motore, strada chiusa per tutti, ad eccezione delle navette per persone con difficoltà motorie. Questa edizione del concerto ha un significato speciale per gli alpinisti piemontesi: è infatti dedicata ai 150 anni del CAI, il Club Alpino Italiano, e al suo fondatore, il piemontese Quintino Sella. Proprio al rifugio Quintino Sella, sul Monviso, era stato organizzato il primo concerto di ferragosto, nel 1981.

15_8_99_Alpet_concerto-50402

Risale invece a due anni fa l’ultima edizione torinese del concerto, che in onore dei festeggiamenti per Italia 150 scese di quota e fu organizzato sul Colle della Basilica di Superga. Il meteo promette bene: previsto vento moderato, ma nessuna precipitazione. Scampato, dunque, il pericolo di annullare il concerto come era successo nel 2008 a Limone Piemonte. La musica, grande protagonista della giornata, verrà portata in alta quota dall’ orchestra Bartolomeo Bruni di Cuneo, che già da qualche anno partecipa all’evento sempre con grande successo, tanto da avere nel suo sito una sezione dedicata proprio al concerto dell’Assunta.

Ad affiancare l’orchestra, quest’anno, il coro dei Polifonici del Marchesato di Saluzzo. Il concerto, trasmesso come sempre n diretta da Rai Tre, proporrà pezzi celebri dal Guglielmo Tell di Rossini, dai Vespri Siciliani di Giuseppe Verdi, e molti altri brani, sempre sotto la direzione del maestro Antonio Tappero Merlo.

Giulia Ongaro

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here