Home Cronaca di Torino Sempre più vicina a Torino l’Authority dei Trasporti

Sempre più vicina a Torino l’Authority dei Trasporti

8
SHARE

Dopo una iniziale battuta d’arresto, è stato approvato in questi giorni al Senato l’emendamento, presentato, attraverso un’iniziativa bipartisan, dai parlamentari piemontesi, che, quasi certamente, garantirà a Torino l’assegnazione dell’Authority dei Trasporti.  La sede del nuovo ente è stata individuata all’interno della palazzina dell’ex Anas di Torino – tra via Talucchi e piazza Peyron – non distante dalla nuova stazione di Porta Susa; potrà contare  su un massimo di 80 addetti, di cui 40 (soprattutto tra dirigenti e funzionari) provenienti dagli enti locali, mentre i restanti saranno giovani neo-assunti.Di conferma del ruolo strategico di Torino nelle politiche nazionali e internazionali per la mobilità parla anche il sindaco di Torino, e presidente dell’Anci, Piero Fassino. Certo, la scelta di Torino e la volontà di evitare il meccanismo delle doppie sedi e delle sedi di rappresentanza romana sposta l’asse sui territori. E questo peserà, ad esempio, in fase di selezione del personale in distacco presso l’Authority.
Di un’Authority per il settore Trasporti si parla dal 1995, l’istituzione vera e propria è arrivata con il Decreto Salva Italia (Dl 201/2011. Ora, il via libera del Senato al Decreto del Fare con l’emendamento che riconosce Torino come futura sede. Nel dibattito interno alla Commissione Trasporti del Senato è emersa la volontà di avviare l’Authority entro dicembre, rispettando un budget di cinque milioni all’anno., il Governo ha nominato Andrea Camanzi, come presidente, Barbara Marinali e Mario Valducci come consiglieri. A settembre comincerà la selezione del personale.

1157519_10151766320539594_1762232664_n

I principali obiettivi della neonata Authority sono: promuovere e programmare le politiche di trasporto a tutti i livelli, sfruttare al meglio i finanziamenti europei per la realizzazione di infrastrutture; occuparsi seriamente di mobilità sostenibile; controllare prezzi e qualità dei servizi; favorire una reale concorrenza tra pubblico e privato. Insomma, tutto quello che manca all’Italia, dove sprechi e inefficienze delle reti di trasporto sono praticamente all’ordine del giorno.

«E’ un grande risultato per Torino, ma anche per tutto il Nord», afferma il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, e spiega: «Torino è la sede naturale di questa Authority. Apriremo una nuova stagione dimostrando come far funzionare le cose a un costo più basso».

 

La redazione di Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here