Home Territorio Museo Egizio, il sotterraneo delle meraviglie

Museo Egizio, il sotterraneo delle meraviglie

6
SHARE
2013: un anno da strabuzzare gli occhi.
2013: un anno da strabuzzare gli occhi.

Mille metri quadrati di meraviglie. Un ulteriore passo per rendere il Museo Egizio Torinese sempre più all’avanguardia. E’ stato inaugurato ieri il nuovo Ipogeo, piano sotterraneo inserito sotto il livello del suolo, nel Collegio dei Nobili.

E in mille metri quadrati sono presenti mille reperti: i più importanti della collezione torinese, raccolti in una collezione temporanea, dal titolo “Immortali”. mille reperti fra i più importanti della seconda collezione al mondo di antichità egizie.Ora questa collezione (che sarà visitabile per tutto il giorno gratis e fino a mezzanotte, le prenotazioni per la sera sono già esaurite) raccolte nella mostra «Immortali».

215401247-3cf7a348-7273-48f5-b508-eacae423f138

Un giorno solo di visite, assolutamente esaurite, e non solo perchè gratuite, che faranno venire agli appassionati l’acquolina in bocca, in quanto l’allestimento altro non è che un assaggio delle meraviglie che l’Egizio presenterà nel 205, quando ultimati tutti i restauri aprirà l’ambiente espositivo rinnovato per l’Expo 2015.

Quando l’Egizio riaprirà l’Ipogeo ospiterà non opere storiche, ma biglietteria, atrio, bookshop e didattica. C’è da fregarsi le mani per quello che accadrà, dato che le visite nonostante i lavori stanno andando benissimo: «Quest’estate i visitatori stranieri stanno superando quelli italiani» ha spiegato la direttrice Vassilika a “La Stampa”.

«Il nuovo Egizio sarà la grande attrazione nell’anno dell’Expo 2015 – le parole del sindaco Fassino – a margine dell’inaugurazione del nuovo Ipogeo, primo tassello del restauro da 50 milioni di euro del Collegio dei Nobili – il palazzo in cui si trova dal 1824 – che verrà ultimato nel marzo 2015. Questo importante investimento rafforza la scelta di Torino e del Piemonte di puntare sempre più in cultura, vero e proprio motore di sviluppo in grado di attirare risorse e nuove attività».

Marco Gallo

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here