Home Cronaca di Torino Il Piemonte in vendita

Il Piemonte in vendita

8
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

“Siamo fieri di aver acquisito Pernigotti, marchio ricco di storia e fascino che identifica nel mondo la gianduia ed il torrone italiano”. Con queste parole la famiglia Toksoz ha annunciato l’acquisizione del marchio dolciario piemontese, perla gastronomica del nostro territorio.

I gianduiotti d’ora in poi parleranno turco dopo che il gruppo Sanset, colosso del settore con un fatturato di circa 450 milioni e con sede ha Istanbul, ha rilevato la Pernigotti dai Fratelli Averna, proprietari, tra le altre cose, dello storico amaro omonimo. “Pernigotti, facendo leva sul notevole know how acquisito e sulla complementarietà con Sanset, continuerà il processo di crescita intrapreso in Italia, in Turchia e negli altri mercati internazionali”, queste le parole degli ex proprietari dopo aver ceduto l’attività che, attraverso lo stabilimento produttivo di Novi Ligure, da 150 anni produceva gianduiotti, torrone e intermedi per gelato e pasticceria, con un fatturato che, negli ultimi anni, aveva toccato quota 75 milioni.

 

 

loropiana

Con questa operazione, il valore dei marchi storici del settore agroalimentare italiano passati in mani straniere passa ad oltre 10 miliardi dall’inizio della crisi, ricorda la Coldiretti e, rimanendo in Piemonte, la vicenda Pernigotti segue da vicino l’acquisizione di Loro Piana da parte del gruppo Lmvh.

Ad inizio luglio, infatti, il polo francese del lusso (già proprietario dei brand Louis Vuitton, Fendi, Dior, Bulgari, Moet et Chandon, tra gli altri) aveva esteso la propria influenza sino a Quarona Sesia, sede della Loro Piana, ditta fondata nel 1924 e famosa per la produzione di cachemire e lane rare. I francesi hanno sborsato circa 2 miliardi di euro per diventare azionisti di maggioranza con l’80% delle quote societarie, mentre i fratelli Sergio e Pier Luigi Loro Piana conservano il restante 20% e mantengono le loro posizioni a capo dell’azienda.

Correlato:  Torino, i Murazzi saranno intitolati a Gipo Farassino e Fred Buscaglione

Marco Parella

 

 

 



Commenti

SHARE