Home Cronaca di Torino Torino Spiritualità, la scelta che cambia il mondo e noi stessi

Torino Spiritualità, la scelta che cambia il mondo e noi stessi

3
SHARE

Essere sull’orlo di un precipizio e prendere una decisione, qualsiasi essa sia.  O tirare in alto una moneta e aspettare che il destino sciolga i dubbi al posto nostro. Il valore di una scelta sta nelle conseguenze che ne derivano, nella volontà consapevole di modificare uno status quo anteponendo le opportunità ai rischi. In definitiva scegliere vuol dire modificare il nostro futuro, plasmarlo e, con esso, dare la forma che vogliamo a noi stessi.
Per questo motivo è importante andare scientemente oltre ad un qualsiasi bivio e, per lo stesso motivo, il valore della scelta è il tema che verrà affrontato nella nona edizione di Torino Spiritualità, un percorso di cinque giorni dal 25 al 29 settembre 2013 fatto da voci, esperienze, culture, luoghi e fedi diverse.

Presentato ieri presso il Circolo dei Lettori, Torino Spiritualità è un evento che, dal 2005 ad oggi, ha saputo crescere di pari passo con una comunità eterogenea di persone, oltre 45.000, provenienti da ogni angolo del mondo e disposte ad interrogarsi e a dialogare su tematiche etiche e spirituali insite nell’essere umano.

 

Torino Spiritualità 25 |29 settembre IL VALORE DELLA SCELTA

 

Quest’anno saranno oltre 100 gli incontri proposti (qui il programma completo) in 28 location tra il centro cittadino, la periferia e gli eventi organizzati ad Alba; 30 le associazioni coinvolte nell’organizzazione, numerosissimi gli sponsor della manifestazione e circa 130 le voci dei protagonisti chiamati a condividere la propria esperienza in un’ottica di arricchimento e crescita personale.

Nell’ambito del focus di approfondimento sul “Rapporto tra spiritualità e media” si parlerà delle nuove e tecnologiche strade della fede, proposta su internet o con l’attività in crescita dei telepredicatori; i partecipanti potranno ascoltare la storia del vescovo cristiano Elias Chacour, palestinese di nascita e abitante di Israele, oppure quella piena di speranza e coraggio della campionessa paralimpica Giusy Versace.

Ritorneranno le acclamatissime Camminate spirituali alla ricerca dei luoghi di culto di San Salvario o di itinerari devozionali del nostro territorio e, tramite #mettoallasta, ognuno di noi potrà regalare un oggetto a cui è particolarmente legato e condividerne la storia.

Gli oggetti accompagnati dalle dieci storie più significative verranno battuti in una grande asta in piazza per aiutare i bambini della Fondazione Paideia. Molte, infine, le iniziative create ad hoc per coinvolgere i partecipanti e far loro respirare le suggestioni dell’intreccio culturale e fideistico proposto dalla direttrice Antonella Parigi con il supporto del Circolo dei Lettori, Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Fondazione del Teatro Stabile ed il contribuito dei main sponsor Acqua Minerale Sparea, Codebò, Ersel, e di Antica Speziera Medicinale della Consolata e Naturasì.

Marco Parella

 

SEGUICI!

 

     

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here