Home Cronaca di Torino Da Torino a Venezia, sulle ali del VenTo

Da Torino a Venezia, sulle ali del VenTo

17
SHARE

La grande pista ciclabile che collega Torino con Venezia sarà realtà: presentato lo scorso 25 maggio in pompa magna a Venaria Reale, il primo ciclo viaggio che collega la Mole con piazza San Marco, passando per il Duomo, è terminato a Venezia a inizio giugno.

Pochi giorni fa il progetto è stato anche presentato, con un discreto esito, al Politecnico di Milano, che è uno degli ideatori di questa visionaria, lunghissima, pista ciclabile. VenTo, il cui nome deriva evidentemente dalle due città dei partenza e arrivo, è il progetto di ciclabilità più lungo d’Italia: ideato ed elaborato da DAStU – Politecnico di Milano, già condiviso da oltre 2.500 cittadini, oltre 30 istituzioni (comuni, province e autorità) e quasi 30 associazioni/fondazioni (nazionali e locali), ha come obiettivo la promozione di una concreta idea di sviluppo occupazionale, ambientale e alimentare, attraverso la leva del cicloturismo.

401789_467695856640311_2125768133_n
Il lancio dell’iniziativa a Torino

In altre parole non si tratta solo di cicloturismo, ma di scoperta dell’ambiente, recupero del patrimonio culturale e naturale di una parte della Pianura Padana: basti pensare che la pista è lunga 679 km (632 lungo il Po e 47 tra Milano e Pavia), attraversa 242 località, 300 punti di ricettività, 2.000 attività commerciali e più di 10.000 aziende agricole oltre a paesaggi, sapori e saperi e tanti centri storici, che centinaia di migliaia di turisti avrebbero visitare in bicicletta e adesso finalmente possono. Non solo: VenTo costituisce un mattone fondamentale di un progetto più ampio, di dorsale ciclistica europea strategica: denominato Eurovelo 8, realizzabile in due anni.

Qualche altro numero: VenTo ha un prezzo di 80 milioni di euro, mica poco, ma è potenzialmente capace di generare economie diffuse per oltre 100 milioni di euro all’anno e fino a 2.000 posti di lavoro. Può attrarre oltre mezzo milione di nuovi turisti all’anno.

Il viaggio inaugurale si è svolto dal 25 maggio al 2 giugno, collegando in 15 tappe Torino con Venezia: il team VenTo ha incontrato persone, amministrazioni e amministratori, associazioni e imprese per discutere assieme dell’importanza del progetto e condividerne lo spirito. 15 tappe per capire assieme i vantaggi. La bicicletta sta nel futuro. Le tappe del viaggio: Venaria Reale, Torino, Crescentino, Morano sul Po, Casale Monferrato, Valenza, Pavia, Piacenza, Cremona, Boretto, San Benedetto Po, Pieve di Coriano, Ferrara, Taglio di Po, Chioggia e Venezia.

Al progetto VENTO hanno aderito, oltre l’intergruppo parlamentare per la Mobilità nuova/Mobilità ciclabile, tanti
comuni, tante province e istituzioni come l’Autorità di Bacino del fiume Po, ANCI, i Parchi e tante associazioni
nazionali e locali. Info: www.progetto.vento.polimi.it, oppure la pagina Facebook  ufficiale.

La Redazione di Mole 24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here