Home Spor-to Cus Torino Rugby, festa per concludere una grande stagione

Cus Torino Rugby, festa per concludere una grande stagione

1
SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Si svolge sabato al centro sportivo Angelo Albonico  la festa di fine stagione del Cus Torino: una giornata intera di giochi, iniziative, e soprattutto celebrazioni per una stagione a dir poco eccellente. Ci si ritroverà alle ore 10,20 e fino alle 11 ci si potrà iscrivere ai giochi a squadre, che si svolgeranno dalle 11 alle 12,30. Dalle 12,45 alle 14,15 si pranzerà tutti insieme e dalle 14,30 alle 16 sarà la volta dei giochi d’acqua. Dalle 16 alle 17,30 si disputeranno il match dell’Under 14 contro la prima squadra e un torneo di basket 3 vs 3. Ci sarà poi tempo per prepararsi per la serata, che inizierà alle 19 con un aperitivo con Dj set. Alle 20 partirà la grigliata e dalle 21,30 ci sarà il Movida Show. Dalle 22 si esibiranno gli Aurum,  un gruppo che esegue cover di musica pop e rock italiana e straniera.

La festa cussina conclude, si diceva, una stagione eccellente per la società ma anche per il movimento piemontese, che si conferma una realtà in crescita davvero costante. Ottimo piazzamento in serie A a metà classifica per i cussini, che hanno vissuto una stagione caratterizzata da un inizio a dir poco roboante, per poi come era logico assestarsi in posizioni di media classifica, senza rinunciare a togliersi sfizi e a grandi prestazioni. Mica male, per una matricola, che approdava al campionato a seguito di un ripescaggio.

Correlato:  Torino Capitale Europea dello Sport, finalmente oggi l’inaugurazione al Palavela

Ma il rugby torinese, si sa, non vive di solo cus: come non citare lo splendido campionato di serie C portato a casa dal Moncalieri Rugby, oppure ancora la ottima e soddisfacente stagione del Rivoli (sempre in C) e, per rimanere in categoria, la fantastica realtà della Drola, squadra nata nella casa circondariale delle Vallette?

 

Una fase di gioco de La Drola
Una fase di gioco de La Drola

La Drola, di cui parleremo più approfonditamente la settimana prossima, è una squadra composta da carcerati, che per ovvi motivi gioca sempre in casa: ogni società che si reca nella casa circondariale delle Vallette poi ne esce cresciuta, e non sempre – e non solo – in senso sportivo. Tanto per mettere un puntino sulle I, questo esperimento è per ora unico in Italia.

E allargando lo sguardo alla regione, la buona annata del movimento è confermata dalla quasi promozione del Biella in A: gli Orsi si sono fermati alla finale playoff, persa con grande onore.

Questi sono gli ingredienti perfetti per riprendere alla grande a settembre una stagione che, si spera, veda continuare la crescita del movimento torinese e piemontese.

 

La Redazione di Mole24

 



Commenti

SHARE