Home Cronaca di Torino Venaria: niente Hollande, arriva la delegazione israeliana

Venaria: niente Hollande, arriva la delegazione israeliana

3
SHARE
L'ultimo vertice italo francese

“Se il prossimo vertice italo-francese si svolgerà a Torino, la sede giusta è la Reggia di Venaria.”, annunciava tempo fa Roberto Cota sul suo sito internet. Già, perchè che il prossimo appuntamento fra Hollande e il presidente del consiglio italiano Letta, per discutere della Tav e della situazione legata all’alta velocità, era un dato di fatto: si trattava soltanto di trovare la sede giusta.

La notizia era arrivata dai diretti interessati (o meglio, da uno dei diretti interessati, dato che all’epoca il Presidente italiano era Monti), lo scorso dicembre, al termine del vertice precedente: il prossimo appuntamento si sarebbe tenuto in Piemonte, a Torino.

Era stata individuata l’area della Reggia perchè facilmente difendibile e controllabile, nonché per il suo apporto in termini “scenografici” e di charme. Insomma la sede ideale, senonché il nuovo governo ha diramato un regolamento secondo cui «I vertici internazionali ospitati dall’Italia con i leader Ue si organizzeranno solo a Roma, per renderli più agevoli e operativi». In compenso, «si svolgeranno fuori Roma i vertici con i Paesi terzi». In poche parole, sarà spending review, sarà  un segnale di razionalizzazione delle risorse, ma per Torino e Venaria è arrivata la beffa: i vertici si fanno solo a Roma. Punto.

France's President Hollande shakes hands with Italy's PM Monti during a joint news conference at a Franco-Italian summit in Lyon
L’ultimo vertice italo francese

Un cambio di direzione che a molti, sotto la Mole, è parso l’ennesimo sgarro da Roma, e che il Governo si è affrettato a riparare, o almeno a provarci: secondo quanto riportato dalel fonti ufficiali della Regione, il premier Enrico Letta ha assicurato al presidente Roberto Cota che la Reggia di Venaria ospiterà in autunno il vertice bilaterale Italia-Israele. “La Reggia merita questa vetrina internazionale – ha sostenuto Cota, che il 4 giugno si è attivato con Letta e Alfano per ottenere questo importante risultato – Il rilancio del Piemonte passa anche da opportunità come queste”.

Una novità accolta con favore anche dall’assessore alla cultura Michele Coppola: “La magnificenza della Venaria è la scelta migliore per promuovere il dna italiano e la bellezza e unicità del nostro patrimonio. Il lavoro per offrire come palcoscenico per occasioni internazionali la Reggia più bella d’Italia è iniziato da qualche anno. Le competenze organizzative e logistiche che abbiamo maturato sono garanzia di successo anche per incontri al vertice tra capi di Stato e di Governo“.

 

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here