Home Spor-to Juve: le bandiere non si vendono mai

Juve: le bandiere non si vendono mai

6
SHARE
Claudio Marchisio Juventus
Claudio Marchisio Juventus

Nel calcio le bandiere, quelle a cui i tifosi sono legati ad un doppio filo, sono sempre più rare ma proprio per questo anche più apprezzate dagli appassionati di tutte le squadre.

Negli ultimi anni, rimanendo nelle nostra serie A, se ne possono citare pochissime, al massimo una per ogni top club. Paolo Maldini al Milan, Javier Zanetti all’Inter, Francesco Totti alla Roma e Alex Del Piero alla Juventus. Stop, basta, altre non ce ne sono.

Ed è per questo che sono sempre più merce rara e ricercata dai tifosi. Le vere bandiere calcistiche un club serio non le vende, per nessun prezzo, ma se le tiene strette perché sa che a loro i tifosi si affezionano in maniere particolare. Se veniamo alla storia della Juve di bandiere ce ne sono state, eccome. In ordine sparso ne citiamo alcune: Giampero Boniperti, Dino Zoff, Gaetano Scirea e Alessandro Del Piero.

E le bandiere non sono mai state vendute, il fatto che Del Piero a fine carriera sia emigrato dall’altra parte del mondo, in Australia, sinceramente è un altro discorso.

Alessandro Del piero Sidney FC

 

Il problema è che in queste prime settimane di calciomercato i magnati dei più importanti club stranieri vogliono portarci via due giocatori che sono le future bandiere di due delle squadre più importanti del nostro campionato: Claudio Marchisio e Daniele De Rossi.

Concentrandoci su quello che riguarda la Juve, Claudio Marchisio è il giocatore che, Buffon a parte, ha preso nei cuori dei tifosi juventini il posto di Del Piero, non per altro è stato soprannominato “il Principino” dal tifo bianconero.

Il problema è che la Juve ha bisogno di fare cassa, vendendo una pedina importante del centrocampo per trovare il budget necessario ad acquistare un top player in attacco, Jovetic, Higuain o addirittura tutti e due. Pirlo ormai ha un’età avanzata e non è pensabile fare cassa dalla sua cessione, Vidal e Pogba per ragioni diverse sono considerati incedibili ed è così che in corso Galileo Ferraris stanno pensando di sacrificare proprio Marchisio.

Claudio Marchisio Juventus

 

Anche perché il ricchissimo Monaco, finanziato dai petroldollari russi, ha messo sul piatto della bilancia una di quelle offerte che non possono non essere prese in considerazione. L’offerta prevede 27 milioni di euro per la Juve ed un contratto di 4 anni a 6 milioni di euro a stagione per il centrocampista della nazionale, il doppio di quanto il centrocampista guadagna attualmente.

Marchisio vorrebbe rimanere a Torino ma potrebbe essere tentato dal fatto di ritrovare in panchina al Monaco Claudio Ranieri, che lo lanciò titolare nella sua avventura bianconera.

Le tentazioni, come detto, sono molto forti ma siamo convinti che alla fine tra la Juve e Marchisio vinceremmo i sentimenti calcistici ed entrambi ricacceranno al mittente le strabilianti offerte economiche in arrivo dall’estero per continuare insieme a vincere altri trofei.

Andrea Magri.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here