Home Cronaca di Torino Torino internazionale: nel 2015 il World Chamber Congress

Torino internazionale: nel 2015 il World Chamber Congress

2
SHARE

Il 2015 non sarà solo un anno nel quale Torino sarà capitale europea dello sport. Dal 10 al 12 giugno la nostra città ospiterà infatti il World Chambers Congress, che porterà in città un’ulteriore informanata di turisti, se così si possono chiamare. Secondo la Camera di Commercio torinese sono attese, solo per l’evento in sè, oltre 2.000 persone: businessmen, alti funzionari delle Camere di commercio, opinion leader in campo economico e relatori, che saranno impegnati in due giorni di riflessioni sull’economia, sugli ultimi trend e sui progetti più innovativi per fare impresa.

“Il successo di Torino è il risultato di un efficace lavoro di squadra – spiegano dalla CamCom – Oltre alla stretta collaborazione con Turismo Torino e Provincia, con cui è stato creato il Comitato organizzativo, la candidatura è stata sostenuta dalla Città di Torino, soprattutto nella presentazione lo scorso settembre a Istanbul, e dalla Presidenza del Consiglio, dal Ministero degli Affari Esteri, dal Ministero del Lavoro, da Regione Piemonte e Provincia di Torino, da Unioncamere nazionale e regionale, dall’ICT ILO e da ETF – European Training Foundation. Fondamentale è stato inoltre l’appoggio manifestato da grandi imprese come Azimut Benetti, Fiat Group, Lavazza, Finmeccanica, Intesa San Paolo, Unicredit, Expo 2015 e Gruppo Skyteam, tutti disponibili a sviluppare partnership per l’iniziativa”.

camera_di_commercio_original
La CamCom torinese

Un’occasione internazionale, ma non solo

Di certo l’evento programmato fra poco più di due anni è l’ennesima occasione per portare Torino sulla ribalta internazionale, ma non solo. Probabilmente un evento del genere potrebbe essere un buon viatico per sviluppare rapporti di import-export, quantomai necessari in periodi di forte crisi come quello che stiamo vivendo. Basti pensare che, per il passaggio di testimone, il Piemonte e la nostra Camera di Commercio sono reduci da un duplice viaggio in Qatar: a fine aprile, a Doha, durante l’ottavo congresso mondiale, Torino ha ricevuto ufficialmente il testimone per la prossima edizione, e ha presenziato con uno stando di 54 mq, allestito con l’aspetto del Teatro Carignano come elegante palcoscenico del lifestyle torinese: al centro del palco sono stati proiettati filmati sul Congresso 2015, ma anche su Torino e il Piemonte.

Nell’occasione, otto imprese piemontesi hanno seguito la delegazione sviluppando un ricco programma di incontri con potenziali partner qatarini. Pochi giorni dopo, altre 16 imprese hanno fatto tappa a Doha per il congresso Project Qatar: sono solo due esempi di come anche un turismo congressuale possa avere ripercussioni sull’economia locale e non solo, e non a caso il Piemonte può vantare numeri in controtendenza con la crisi: nel 2012 (fonte: Paralleli) il valore delle esportazioni torinesi ha superato i 18 miliardi di euro,+0,9% rispetto all’anno precedente (dati ISTAT), incremento che cresce ulteriormente a livello regionale con il +2,9% del Piemonte.

Ben vengano, quindi, occasioni di alto livello di questo genere.

A.M.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here