Home Cronaca di Torino The Sound of Colors: istituti a colori

The Sound of Colors: istituti a colori

3
SHARE
Tempo di lettura: 1 minuto

Colorare gli istituti, renderli luoghi accoglienti e vivibili. Questo è l’obiettivo principale di “The sound of colours, il suono dei colori”, iniziativa pochi giorni fa ha visto all’opera un centinaio di persone, italiane e straniere, che hanno lavorato con una ventina di ragazzi dell’istituto dei Sordi di Torino.

E non erano persone a caso: si trattava di semiologi e linguisti, provenienti da 22 diversi paesi. Pochi giorni fa è stata ridipinta un’intera ala dello storico Istituto di via Pancrazio 63, a Pianezza. In contemporanea, in un’altra zona dell’edificio, in un laboratorio allestito ad hoc, sono state decorate borse donate da Artissima, la fiera dell’arte contemporanea torinese. “Il laboratorio – spiega ad “Arttribune” Caterina Seia di Unimenagament, organizzatrice dell’evento – è gestito in prevalenza dai ragazzi sordi, in modo da far sperimentare ai manager una sensazione di minoranza. Questo progetto, infatti, è mirato alla loro formazione sotto il profilo organizzativo, ed è importante che facciano esperienze di questo tipo. Questi ragazzi sono abituati a parlare tra loro in inglese, e relazionandosi ai non udenti sono costretti a inventarsi un nuovo modo di comunicare, basato sull’empatia, sulla gestualità e sulla curiosità“.

La regia dell’evento è stata affidata nuovamente al Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli, e l’evento 2013 bissa le fortunate situazioni realizzate lo scorso anno in altri istituti come l’Ospedale S. Anna di Torino.

Correlato:  Fontana dei Mesi, chiusa fino a luglio per manutenzione

Qui fu realizzato un giardino dipinto nell’ingresso e poi in pochi mesi altri nove ambienti, realizzati da coloro che animano l’ospedale (personale, pazienti-studenti), per contribuire all’umanizzazione dell’edificio ospedaliero.

DSC_0432

 

Una bellissima iniziativa, che si spera possa proseguire anche per edizioni future: d’altronde non sono pochi i rami di studio che confermano come i colori, specie in istituti di cura, rendano più semplici i processi di guarigione o, perchè no, di integrazione.

 

La Redazione di Mole 24

 



Commenti

SHARE