Home Arte Un no alla “cultura blockbuster”: il coraggio di portare Tiziano a Pinerolo.

Un no alla “cultura blockbuster”: il coraggio di portare Tiziano a Pinerolo.

8
SHARE
Esposizione Tiziano a Miradolo Pinerolo Torino
Esposizione Tiziano a Miradolo Pinerolo Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

A Roma, qualche mese fa oltre ad occuparsi – o a tentare di farlo – delle sorti del Paese, nella pregevole cornice delle Scuderie del Quirinale, è stata inaugurata l’annuale mostra monografica, quest’anno dedicata ad uno dei più grandi artisti del Rinascimento italiano: Tiziano.

Poco lontano da Torino, nei pressi di Pinerolo nella cornice – meno prestigiosa ma quasi da fiaba – del castello di Miradolo, fino al 16 giugno è possibile visitare una mostra sempre dedicata al pittore veneto dal titolo “I volti e l’anima. Tiziano. Ritratti”.

 

Esposizione Tiziano a Miradolo Pinerolo Torino
Esposizione Tiziano a Miradolo Pinerolo Torino

 

Tutti lo conoscono e molti lo apprezzano, ma chi era Tiziano Vecellio, il pittore di Pieve di Cadore? Nato nel 1490 ma trasferitosi a 9 anni insieme al fratello a Venezia per imparare l’arte pittorica, si era messo in luce sin da giovanissimo per la sua abilità, per i suoi modi aristocratici, per la diplomazia – che gli ha permesso di essere apprezzato in molte corti europee – e con la morte di Giorgione prima, e il trasferimento a Roma di Sebastiano del Piombo è diventato, nella prima metà del Cinquecento, l’artista preferito dei “ricchi”. Ambienti in cui lui si trova a suo agio, veramente.

Un vero professionista dell’arte e del mettere i propri talenti al servizio dei più potenti.

Questa sua spigliatezza nelle pubbliche relazioni è dimostrata proprio dalla grande quantità dei ritratti da lui realizzati: rendere immortali personaggi importanti, le “fotografie”cinquecentesche di personaggi di spicco della borghesia e della nobiltà cinquecentesca hanno reso indimenticabile anche lui, senza dimenticare le sue inimitabili capacità pittoriche.

Correlato:  Il segreto degli indiani di Palazzo Carignano

Il ritratto è solo uno dei generi pittorici con cui l’artista veneto si cimenta; da sottolineare come questo non sia mera rappresentazione meccanica delle fattezze di un personaggio, ma l’esaltazione della personalità stessa.

Non è la prima volta che al Castello di Miradolo sia in programma un’esposizione strettamente correlata ai grandi eventi monografici delle Scuderie romane – infatti era già successo per Caravaggio nel 2010.

La mostra, sviluppata dalla Fondazione Cosso, su progetto di Vittorio Sgarbi, merita una visita: sia per la portata dell’evento, sia per il calibro dell’artista che si propone di omaggiare sia perché è un evento che non chiede nulla, oseremmo dire un evento di nicchia.

 

Esposizione Tiziano a Miradolo Pinerolo Torino

 

Già, perché forse non sono presenti i quadri provenienti da grandi musei del mondo – ma da collezioni private e quindi ancora più preziose perché difficilmente visibili- forse perchè questa piccola mostra non ha la fortuna di avere la stessa risonanza dell’esposizione romana, forse la sede scelta non è cosi comoda per i più cittadini.

Forse tutte queste cose sono vere.

Ma c’è una cosa ancor più vera: parliamo spesso di quanto si “mangi” sulla cultura e quanto poco la cultura dia da “mangiare”; verissimo ma è ancor più reale come sia molto più affascinante visitare le mostre di grande richiamo pubblicitario, trasformando spesso artisti che il mondo ci invidia in fenomeni blockbuster.

Correlato:  Avanguardia russa, a Torino, dalla collezione Costakis: un giorno la gente avrà bisogno e imparerà ad apprezzare quest'arte.

Intendiamoci non è il caso delle esposizioni al Quirinale o molte altre grandi mostre che DEVONO essere viste.

Il vero grande ma è cercare di fruire di tutto il più possibile, grandi e piccoli musei, grandi e piccole mostre, grandi e piccoli monumenti.

L’Italia artistica non è solo il Colosseo o la Torre di Pisa, non è solo la Pinacoteca di Brera o le mostre come quella sopracitata. Ma questi grandi fari, devono aiutare le piccole realtà del territorio, anche solo per il coraggio di fare una mostra di Tiziano, in un piccolo castello del pinerolese.

 

di Giulia Copersito

 

Per informazioni:

I volti e l’anima. Tiziano. Ritratti.

Castello di Miradolo, via Cardonata 2- 10060

San Secondo di Pinerolo, Torino

Tel. 0121.376545

www.fondazionecosso.com/

Aperta nei giorni mercoledì- giovedì- venerdì in orario 14.00-18.30

(il mattino aperto su prenotazione)

inoltre sabato- domenica- lunedì in orario 10.00-19.00

Chiuso il martedì.



Commenti

SHARE