Home Enogastronomia 25 Aprile: ricordiamo la Resistenza a tavola!

25 Aprile: ricordiamo la Resistenza a tavola!

30
SHARE

La settimana di una commemorazione importante, quella del 25 aprile, Festa della Liberazione.

L’esercito nazifascista si arrende e lascia l’Italia dopo le insurrezioni partigiane a Genova, Milano e Torino, ponendo fine all’occupazione tedesca in Italia: l’evento viene ricordato ogni anno dalla Festa della Liberazione. Cosa c’entra questo giorno con la nostra rubrica?

C’entra, perché è importante di dare spazio a quei luoghi di aggregazione che nascono tendenzialmente dalla storia di persone comuni, e dove in genere si va a mangiare per riunirsi e fare festa per sentire un’appartenenza comune, un comune sentire, un ideale e l’utopia di un paese migliore. Stare insieme, mangiare, fare festa e fare in modo di crederci ancora nonostante tutto.

Il luogo ideale per questo tipo di feste è la bocciofila e a Torino ne potrete trovare di interessanti.

Circolo ricreativo Mossetto: per tesserati Ancos Associazione Nazionale Comunità Sociali e Sportive di Confartigianato; La bocciofila esiste da 60 anni, ed è vicino al Sermig, Arsenale della Pace. Troverete l’atmosfera della bocciofila vera dove anziani si ritrovano per sfidarsi nel gioco delle bocce. Qui si pranza con cucina casareccia: agnolotti, melanzane sott’olio, cotoletta e patate, frittate e peperoni con la bagna cauda. Menù da bocciofila che sempre rassicura.

Non aspettatevi galanteria, questo è un posto alla buona dove un tempo arrivavano gli operai, brindavano a barbera e festeggiavano il primo maggio con canti e cin cin. Ma l’atmosfera ripagherà la vostra voglia di stare insieme agli amici.

1

In Via Passo Buole 45, proprio all’altezza del cavalcavia della ferrovia, c’è una bocciofila dalla qualità culinaria notevole: la Baracca.

Ambiente squisitamente spartano, anche qui l’ambiente è di quelli che invoglia a sedersi, con un bicchiere di buon vino, e discutere di politica e di massimi sistemi.

Ma già che ci siete, sedetevi e mangiate: ottimi i primi e i secondi, ma una standing ovation partirà spontanea all’arrivo delle torte fatte in casa, di tutti i tipi. Una squisitezza.

Un paio di consigli ve li abbiamo dati: non resta che augurarvi buona festa della Liberazione!

Valeria Saracco

Seguimi su www.duecuorieunaforchetta.com

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here