Home Spor-to Cus, sconfitti con onore contro Vicenza

Cus, sconfitti con onore contro Vicenza

0
SHARE

La retorica delle Onorevoli sconfitte è qualcosa che gli appassionati di rugby hanno imparato, se non a odiare, ad avere un pò in antipatia.

E’ la retorica del brutto anatroccolo, simpatico, che perde sempre. Insomma quello che era l’Italia prima di regolare un paio di big del mondo (Irlanda e Francia) e prima di farne tramare un altro paio (All Blacks e Australia), come è successo negli ultimi mesi.

Non è però il caso del Cus Torino, che sta portando avanti una stagione più che onorevole, e che ieri in modo altrettanto onorevole ha perso contro i Rangers Vicenza, terzi in graduatoria, che si sono imposti per 13-6.

A fare la differenza è una meta di maul segnata dai veneti nel primo tempo.

Si assiste a una partita fisica tra due squadre in salute. Leggero il predominio della squadra allenata da Roberto Rampazzo nella prima frazione, con le difese che prevalgono sugli attacchi. Ospiti in inferiorità numerica al 15′ per l’ammonizione comminata ad Alparone, per falli ripetuti. La prima azione degna di nota coincide al 21′ con la meta di maul vicentina, trasformata da Pavin. Il Ce.S.In. accorcia le distanze con un piazzato di D’Angelo e si va a riposo sul 7-3.

Nel secondo tempo viene fuori la maggiore freschezza fisica del CUS, che costringe i vicentini nella loro metà campo. Poca però la concretezza, che produce soltanto un calcio, spedito in mezzo ai pali da D’Angelo (7-6). I biancoblù, come troppo spesso accade, sono fallosi e concedono due chance dalla piazzola a Pavin, che ringrazia e porta il punteggio sul 13-6. Basterebbe una meta per riequilibrare la situazione e i cussini la cercano nell’ultimo quarto d’ora, ma il loro forcing non sortisce effetti. In un’annata importante per fare esperienza capitan Merlino e compagni dimostrano ancora una volta di non essere inferiori agli avversari e portano a casa un punto.

Correlato:  Un mese alle Olimpiadi di Londra

Il campionato ora è tutt’altro che finito: c’è una salvezza tranquilla da conseguire e qualche soddisfazione da togliersi. Non è una scconfitta come quella di ieri che può ridimensionare la stagione dei torinesi.

La Redazione di Mole 24

(Cronaca: Ufficio Stampa Cus Torino)

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here