Home Cronaca di Torino E se fosse Chiamparino l’outsider per il Quirinale?

E se fosse Chiamparino l’outsider per il Quirinale?

1
SHARE
Sergio Chiamparino candidato QUirinale
Sergio Chiamparino candidato QUirinale

Proabilmente questa mattina, recandosi come sempre nel suo ufficio di presidente della Compagnia di San Paolo Sergio Chiamparino non immaginava neanche lontanamente che il suo nome potesse finire in mezzo ai candidati di punta alla presidenza della Repubblica.

Eppure nella prima votazione, mentre i franchi tiratori impallinavano il candidato della pacificazione Pd-Pdl Franco Marini e il candidato del M5S Stefano Rodotà andava oltre le aspettative, l’ex sindaco di Torino raccoglieva 41 consensi. Per quanto resti improbabile una sua elezione al Quirinale quei pochi voti destano comunque sorpresa.

Una manovrina dietro la quale si celano i renziani. Ipotesi confermata dalla seconda votazione nella quale Chiamparino ha toccato quota 90 voti. Un tentativo della fronda renziana di contarsi e di marcare un netto dissenso rispetto ad una scelta, quella di Marini, che ad una larga percentuale della base Pd.

Quei 41 voti poi saliti a 90 hanno stupito anche il diretto interessato che però ha preferito scherzarci sopra prima di auspicare che si trovi alla svelta un nome che possa sbloccare la situazione e fare il bene del Paese.

A. P.

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here