Home Cronaca di Torino La cittadinanza partecipata si costruisce al Sermig

La cittadinanza partecipata si costruisce al Sermig

4
SHARE

Due giorni che vedranno i giovani protagonisti, due momenti nei quali la cittadinanza partecipata sarà al centro dell’attenzione. Come è già accaduto durante lo scorso anno scolastico, un gran numero di ragazzi provenienti da scuole di tutto il Piemonte e di tutta Italia (dalla nostra regione: IPSIA “A. Castigliano – Asti, Istituto “Rosmini”-Domodossala, Liceo “P. Martinetti”- Caluso”, Liceo “N. Rosa – Bussoleno”, IIS “F.Albert” – Lanzo Torinese), saranno i protagonisti dei “Laboratori di Cittadinanza Partecipata”, in programma martedì e mercoledì al Sermig: due giorni intensi ed entusiasmanti, durante i quali il concetto di cittadinanza verrà sviscerato attraverso momenti congressuali, lavori di gruppo, attività aggregative e di condivisione.

L’iniziativa è promossa e finanziata dal Ministero per il Lavoro e le Politiche Sociali, la Provincia di Torino svolge il ruolo di capofila del progetto in partnership con la Provincia di Benevento, la Provincia di Arezzo e la Provincia Regionale di Palermo. Hanno collaborato all’organizzazione e all’attuazione del progetto i Centri di Servizio per il Volontariato della Provincia di Torino Idea Solidale e V.S.S.P.

Torino La cittadinanza partecipata si costruisce al Sermig
Torino La cittadinanza partecipata si costruisce al Sermig

Questa splendida iniziativa, già realizzata lo scorso anno, è finanziata con fondi europei afferenti al Programma Italia dell’Aev e con fondi nazionali. La Provincia di Torino, capofila per le attività di coordinamento e monitoraggio, collabora all’attuazione dell’iniziativa con la Provincia di Arezzo, di Benevento e di Palermo.

L’iniziativa lo scorso anno ha visto la partecipazione attiva delle scuole e delle Organizzazioni di Volontariato appartenenti ai territori provinciali di Torino, Asti, Cuneo e Domodossola, con la realizzazione di un seminario formativo “La Cittadinanza Partecipata: esperienze a confronto”, volto alla disseminazione dei risultati ottenuti nell’ambito della prima edizione progettuale. E ora si riparte, con questo Campus Formativo, che ha come obiettivi promuovere la partecipazione dei giovani alla vita della comunità locale e l’eventuale adesione ad attività di volontariato a livello locale, favorire la diffusione di una cultura del rispetto delle regole, dell’agire democratico e della cittadinanza attiva, facilitare lo scambio di conoscenze e buone prassi fra i giovani, scuole, organizzazioni di volontariato e centri servizio per il volontariato appartenenti ai territori provinciali della Regione e a livello nazionale.

Il programma completo dell’evento: www.ideasolidale.org

Redazione Mole24

Commenti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here