Home Spor-to Juve: consigli tecnici tattici per la remuntada

Juve: consigli tecnici tattici per la remuntada

11
SHARE
Juventus Bayern Monaco Champion League 2013
Juventus Bayern Monaco Champion League 2013
Tempo di lettura: 3 minuti

Ci stanno provando tutti, ci proviamo anche noi a consigliare ad Antonio Conte (non che ne abbia bisogno, sia chiaro) le mosse giuste per mettere in piedi la “Remuntada” contro il Bayern Monaco dopo il 2-0 subito all’Allianz Arena

. Perchè la testa e il cuore di tutto il popolo juventino da dieci giorni sono già sintonizzati a mercoledì sera sullo Juventus stadium dove si proverà a compiere l’impresa delle imprese.

Poco importa, infatti, il successo di sabato pomeriggio, per 2-1, contro il Pescara, doppietta con annesso spogliarello di Vucinic perché il campionato (Conte fa bene a smentire finché ci riesce) è ormai portato a casa.

Da appassionati e studiosi di tattica, lo diciamo subito, per cercare di non essere presuntuosi.

In partite come questa la tattica conta fino ad un certo punto. Prima ci sono il furore agonistico, la testa, la lucidità ma soprattutto la classe, i colpi di genio. Insomma, i top player.

Juventus Bayern Monaco  Champion League 2013
Juventus Bayern Monaco Champion League 2013

E qui ha ragione il nostro allenatore quando sottolinea come la bilancia non penda dalla parte bianconera.

“Datemi 140 milioni di euro da investire sul mercato e vi assicuro Champions – ha detto Conte –“. Per il momento non ci sono.

E allora proviamo a sbilanciarci su formazione e assetto tattico. Sapendo bene che fare i maghi dopo la partita è troppo facile, noi ci proviamo prima. Aiutandoci della collaborazione tecnica di Aurelio Bergese, ex giocatore di calcio nelle categorie minori ma soprattutto grande studioso di tattica.

Correlato:  Cus Torino, bella vittoria per "santificare" le feste

Il Bayern, salvo sorprese, giocherà con la stessa formazione dell’andata e stesso modulo, con l’aggiunta di Javi Martinez. Dunque 4-2-3-1 con Neuer¸ Lahm, Van Buyten, Dante, Alaba; Martinez e Schweinsteiger davanti alla difesa; Robben, Muller Ribery; Mandzukic favorito su Gomez.

Juventus Bayern Monaco  Champion League 2013

 

Tatticamente parlando, a nostro avviso, il problema principale della Juve a Monaco è stata la riproposizione della difesa a tre contro uno schieramento, il 4-2-3-1 che si affronterebbe meglio “a 4”. Ergo è facile capire come mai i migliori 10 minuti della Juve, a parte la reazione iniziale dopo aver subito l’1-0; siano coincisi con lo spostamento di Chiellini a sinistra e il passaggio alla difesa a 4. Con Chielini a prendere Robben, Lichsteiner su Ribery e Barzagli e Bonucci a tenere d’occhio Mandzukic.

Tre difensori centrali contro una sola punta sono troppi, bisogna rischiare un po’, giocare con soli 2 centrali e spostare Chiellini a sinistra. D’altronde, bisogna recuperare e qualche rischio va corso. Altro grave problema. A sinistra non ci sarà Lichsteiner, secondo noi il migliore in campo a Monaco insieme a Vidal.

Le soluzioni per sostituirlo sono tre: Isla, Giaccherini o lo spostamento di Peluso a destra. Optiamo per quest’ultima soluzione, visto che nell’Atalanta di Colantuono Peluso ha imparato ed interpretato benissimo i meccanismi e gli automatismi della difesa a quattro.

A centrocampo, posizionandosi a tre e con l’assenza di Vidal, i nomi sono contati. Dentro Pogba – che errore lasciarlo fuori all’andata – in campo insieme a Asamoah a proteggere Pirlo.

Correlato:  Juve eliminata. Hanno vinto i più forti

Juventus Bayern Monaco  Champion League 2013

 

In un ipotetico centrocampo a rombo, schema usato in tante magiche notte europee da Lippi, Marchisio potrebbe andare ad occupare la posizione di vertice alto. Per cercare di insidiarsi nella retroguardia tedesca e sfruttare forse l’unico punto debole del Bayern: la lentezza dei due centrali difensivi Dante e soprattutto Van Buyten. In attacco: Vucinic e Quagliarella.

Dunque, la nostra proposta è un 4-3-1-2: Buffon; Peluso, Barzagli, Bonucci, Chiellini; Pogba, Pirlo, Asamoah; Marchisio; Vucinic e Quagliarella. Poi servirà tanta grinta, tanto cuore la spinta dello Juventus stadium, segnare una rete subito e un po’ di c… fortuna! E come diceva l’Avvocato, “Anduma fioi…”.

Andrea Magri con la collaborazione di Aurelio Bergese.



Commenti

SHARE